Home . Fondi Ue: Marche, premio valore lavoro per buona imprenditoria locale

Fondi Ue: Marche, premio valore lavoro per buona imprenditoria locale

Bravi, obiettivo programmazione promozione ripresa

ADNKRONOS
Fondi Ue: Marche, premio valore lavoro per buona imprenditoria locale

Ritorna per il nono anno consecutivo 'Premio valore lavoro', la manifestazione promossa da Regione Marche, con il Fondo sociale europeo, per condividere tra aziende-istituzioni-cittadini le buone pratiche realizzate a favore delle risorse umane, all’interno delle realtà imprenditoriali marchigiane. Per quanti ogni giorno mettono al centro della propria attività le proprie risorse umane, intese come ricchezza, è arrivato il momento di candidarsi.

Come ha ricordato l’assessore regionale al Lavoro, Loretta Bravi, “la nuova programmazione regionale del Fondo sociale europeo, per il settennio 2014-2020, si è posta come obiettivo fondante la promozione di una ripresa, che consenta di rimettere in moto il sistema occupazionale, coinvolgendo prioritariamente i giovani, con un’attenzione particolare alle donne".

"Coerentemente, con questa finalità -ha detto- il premio vuole offrire un pubblico riconoscimento a quelle realtà produttive che, attraverso progetti concreti, hanno sì creato opportunità di sviluppo per l’azienda, ma tutelando al contempo la crescita e l’occupazione, che hanno promosso la formazione dei propri dipendenti, che hanno dato ospitalità e spazio a giovani per tirocini o per stage. Sappiamo che la nostra regione è ricca di esperienze positive e il Premio è una modalità positiva per condividerle e farle emergere”.

Da quest’anno, c’è una grande novità: possono concorrere a diventare 'Buona pratica 2015', anche tutte le imprese che sono state 'buone pratiche' nelle prime sette edizioni. Le aziende già vincitrici nelle edizioni precedenti, ad esclusione di quelle che hanno vinto la precedente edizione 2014, possono dunque partecipare, purché presentino un progetto nuovo, non assimilabile a quello già presentato a suo tempo.

Tornano poi i cinque 'Premi speciali', per la sicurezza assegnati dall’associazione regionale 'Maestri del lavoro', la menzione speciale all’organizzazione che avrà segnalato il maggior numero di aziende, la menzione speciale alla buona prassi replicabile e la menzione speciale per quell’azienda che avrà realizzato progetti grazie al contributo del Fondo sociale europeo, integrandoli con altri Fondi strutturali della Regione Marche.

Perché anche questa nona edizione sia coinvolgente e autentica come le precedenti, è importante che le imprese partecipino. La scadenza è il 6 novembre.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.