adnkronos.com  |   aki arabic  |   aki english  |   aki italiano  |   salute  |   labitalia  |   musei on line  |   immediapress

Archivio > AdnAgenzia > 2003 > 02 > 02 > Economia > FOCUS-WALL-STREET-LA-TEORIA-DEL-BAROMETRO-DI-GENNAIO 151800

FOCUS: WALL STREET, LA TEORIA DEL BAROMETRO DI GENNAIO

Roma, 2 feb. (Adnkronos/Marketwatch) - Un vecchio adagio famoso a Wall Street recita: ''as goes January, so goes the rest of the year''. Il che tradotto sta per: ''da come andra' il mese di gennaio si sapra' sostanzialmente quale sara' l'andamento nel resto dell'anno''. Una teoria, questa, ancor meglio conosciuta come ''il barometro di gennaio''.

L'analisi storica di Wall Street suggerisce che la teoria del barometro di gennaio ha una sua validita': sfogliando le pagine dello Stock Trader Almanac negli ultimi 53 anni la correlazione tra andamento tra il primo mese e il resto dell'anno e' tutt'altro che una forzatura. Tanto che dal 1950 a oggi solamente in quattro occasioni la teoria del barometro di gennaio e' stata disattesa. Il che equivale a dire che se su 53 occasioni la teoria del barometro di gennaio si e' mostrata affidabile per ben 49 volte la percentuale di successo e' pari al 92%.

Le buone notizie pero' si fermano qui. Arrivati alla fine del mese di gennaio l'indice maggiormente rappresentativo dell'andamento dell'azionariato Usa, l'S&P 500, ha chiuso decisamente in negativo intorno al 4%. Non solo. Se alta e' correlazione che lega l'andamento del mese di gennaio al resto dell'anno molto bassa e' invece la possibilita' che a una chiusura negativa di Wall Street possa far seguito un andamento positivo nell'arco dei restanti 11 mesi: prendendo sempre in esami gli ultimi 53 anni solo in un'occasione a una chiusura dell'S&P 500 dell'1,9% e' seguito un rialzo superiore al 10%. (segue)

(Gct/Gs/Adnkronos)
adnkronos.com  |   aki arabic  |   aki english  |   aki italiano  |   salute  |   labitalia  |   musei on line  |   immediapress