Almanacco del giorno - Oroscopo  - Meteo - Mobile  - iPad - SMS - Agenda Camera

Prurito da stress incombe su chi è sotto pressione


Studio tedesco, bastano rumori molesti ed eccessivi

ascolta la notiziaascolta la notizia
ultimo aggiornamento: 21 novembre, ore 12:43
Chi soffre di problemi alla pelle lo sospettava da tempo: la tensione peggiora notevolmente il fastidio, regalando prurito e rossori. E spesso per scatenare il problema può bastare un frastuono insopportabile. Un team di scienziati tedeschi, grazie a una ricerca condotta sui topolini, fa luce sull'origine del 'prurito da stress'. Ansia e tensioni, infatti, possono attivare le cellule immunitarie della pelle, scatenando una malattia infiammatoria dermatologica. La pelle è la prima barriera che difende l'organismo dalle infezioni. Uno scudo non solo fisico: proprio qui, infatti, i globuli bianchi attaccano virus e batteri invasori. Le cellule immunitarie presenti nella pelle possono reagire troppo, e questo dà origine a malattie infiammatorie come dermatite atopica e psoriasi. Ora gli studiosi tedeschi hanno visto che lo stress può scatenare il problema nei pazienti che soffrono di patologie infiammatorie della pelle.

Il tutto attraverso un meccanismo che coinvolge cervello, percezione dello stress e pelle. Il gruppo diretto da Petra Arck, dell'Università di medicina di Berlino (Germania) e della McMaster University canadese, ha ipotizzato che lo stress possa esacerbare le patologie dermatologiche aumentando il numero di cellule immuni nella pelle. Per testare la loro idea, i ricercatori hanno esposto dei topolini a stress sonoro. Scoprendo che la tensione provocava un aumento nel numero di globuli bianchi maturi nella pelle. Non solo: bloccando la funzione di due proteine-calamita, che attraggono le cellule immunitarie nell'epidermide (Lfa-1 e Icam-1), gli studiosi sono riusciti a prevenire l'effetto indotto dallo stress sonoro. Questi dati suggeriscono che lo stress accende le cellule immunitarie cruciali per iniziare e perpetuare le malattie della pelle. L'obiettivo del team adesso è quello di trovare il modo di individuare le persone a rischio e identificare le cellule immunitarie che possono essere bersaglio di interventi terapeutici. bellezza: pelle più giovane con tecnica anti-assottigliamento.

Torna al Magazine» Stile di vita italiano e benessere


 

adnkronos.com  |   aki arabic  |   aki english  |   aki italiano  |   salute  |   labitalia  |   musei on line  |   immediapress