Almanacco del giorno - Oroscopo  - Meteo - Mobile  - iPad - SMS - Agenda Camera
Tokyo chiude in rialzo, Nikkei +1,46%

Borse e spread in altalena. Bene asta Bot

Palazzo Mezzanotte  Palazzo Mezzanotte
ultimo aggiornamento: 27 luglio, ore 14:07
Roma - (Adnkronos/Ign) - Il differenziale tra Btp decennali e Bund tedeschi stoo quota 450. Piazza Affari in rialzo a metà seduta, corre Pirelli. Crisi, Draghi: "Pronti a tutto per l'euro"


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 27 lug. (Adnkronos/Ign) - Mattinata altalenante sia per lo spread che per i principali listini europei. Dopo le parole rassicuranti di Mario Draghi secondo il quale la Bce è pronta a tutto per salvare l'euro, si riduce lo spread tra Btp italiani e Bund tedeschi a dieci anni. Dopo un'apertura a 472 punti e dopo aver raggiunto un massimo a 484 punti, il differenziale si colloca a 448 punti - valore che ha portato il rendimento dei nostri titoli al 5,85% - mentre quello dei Bonos è sceso a 539 punti.

Buona accoglienza poi per l'asta con cui oggi il ministero dell'Economia e delle Finanze ha collocato il massimo in offerta - 8,5 miliardi - in Bot a sei mesi (scadenza gennaio 2013). La domanda è stata pari a 13,72 miliardi e il rendimento medio è sceso al 2,454% dal 2,957% della precedente emissione del genere, che si è svolta a giugno.

L'incertezza comunque la fa da padrona tra i listini del Vecchio continente. Piazza Affari passa la boa di metà seduta con i principali indici in rialzo, mentre le altre Borse europee viaggiano per lo più in verde. La volatilità dei mercati resta elevata: dopo un avvio positivo, le Borse europee hanno virato in negativo sulla scia delle dichiarazioni di un portavoce della Bundesbank da Francoforte, il quale ha ribadito la contrarietà dell'istituto ad acquisti di titoli di Stato da parte della Bce, pur aprendo ad operazioni di questo tipo da parte dell'Efsf.

Piazza Affari è poi tornata in positivo dopo che la Commissione europea ha approvato in via temporanea una ricapitalizzazione ponte da parte del Fondo ellenico di stabilità finanziaria (Hfsf) a favore di quattro banche greche (Alpha Bank, Efg Eurobank, Piraeus Bank e Banca nazionale di Grecia) "per ragioni di stabilità finanziaria". In piazza Affari le banche, comprate timidamente in avvio di seduta dopo i rally di ieri, hanno incrementato i guadagni.

Comprati anche i titoli dell'auto e dell'oil and gas. Sul Ftse Mib in evidenza Pirelli, maglia rosa del paniere. Flette ancora lo spread Btp-Bund, a 458 punti dai 473 della chiusura di ieri, dopo aver segnato nel corso della mattinata un massimo infraday di 485 punti. In calo anche i rendimenti dei titoli di Stato spagnoli. A Milano Ftse Mib 13.445 (+1,78%), All Share 14.418 (+1,8%). Scambi per 937 mln di euro, dai 2,14 mld dell'intera seduta di ieri.

Per lo più positive le altre piazze europee. A Bruxelles Bel 20 +1,56% a 2.279 punti; a Parigi Cac +1,22% a 3.246 punti; a Zurigo Smi +0,47% a 6.307; a Londra Ftse +0,19% a 5.583 punti; ad Amsterdam Aex 320 punti (+0,02%); a Francoforte il Dax passa positivo a 6.593 punti (+0,15%). Negative Madrid (Ibex -0,20% a 6.355 punti) e Lisbona (Psi 20 -0,43%).

Le Borse del Vecchio Continente vengono trainate anche dall'andamento dei futures sui principali indici di Wall Street, il cui avvio al momento è previsto in rialzo, in attesa dei dati sull'andamento del Pil Usa nel secondo trimestre, in agenda per le 14.30 ora italiana, e dell'indice sulla fiducia dei consumatori di Thomson Reuters/Università del Michigan, dopo l'avvio delle Borse americane. Il contratto piu' scambiato sull'S&P 500 alle 13.04 guadagna lo 0,51%.

L'euro quota intorno a quota 1,23 dollari. Al London Bullion Market l'oro al fixing di stamani vale 1.618,75 dollari l'oncia, in lieve rialzo dal fixing di ieri pomeriggio, 1.618 dollari.

In piazza Affari denaro su auto (+2,8%), banche (+2,22%), tecnologici (+1,83%), oil and gas (+1,99%). Calano assicurativi (-3,62%), chimici (-2,23%), salute (-0,74%). Sul Ftse Mib in spolvero Pirelli, che dopo aver guadagnato oltre tre punti percentuali ieri sulla scia del mercato e in attesa dei risultati, oggi guadagna il 4,24% a 7,995 euro, con un massimo infraday sopra 8 euro (8,135 euro).

Il gruppo, che ha chiuso il semestre con un utile netto in crescita del 39,6% anno su anno, ha confermato il target 2012 relativo al risultato operativo, limando leggermente al ribasso quello dei ricavi, per via dell'uscita più rapida da prodotti a minore redditività. Recupera Mediolanum (+3,96%). Bene Unicredit (+2,94% a 2,66 euro) e Intesa Sp (+1,75% a 0,987 euro).

Acquisti su Atlantia (+2,89%), Buzzi (+2,69%). Fiat +1,93% a 3,90 euro.Vendute Prysmian (-2,08%) e Diasorin (-1,26%). Sull'All Share corre Intek (+11,66%). Sbanda vistosamente Fonsai (in asta di volatilità, teorico -9,12%), venduta anche ieri.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Economia
commenta commenta 0    invia    stampa   
adnkronos.com  |   aki arabic  |   aki english  |   aki italiano  |   salute  |   labitalia  |   musei on line  |   immediapress