Almanacco del giorno - Oroscopo  - Meteo - Mobile  - iPad - SMS - Agenda Camera

Telecom, Bernabč si dimette da presidente "Non sufficiente attenzione da istituzioni"

ultimo aggiornamento: 03 ottobre, ore 20:49
Milano - (Adnkronos) - Lo scrive l'ex numero uno del gruppo in una lettera inviata ai dipendenti che l'Adnkronos ha potuto leggere. Nel primo cda dopo il riassetto di Telco e la salita al 66% della spagnola Telefonica, la formalizzazione dell'addio, confermando i rumors degli ultimi giorni. Spunta il nome di Vito Gamberale nella corsa alla presidenza. La presenza spagnola in Italia nel 2013, da Riso Scotti a Star


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Milano, 3 ott. (Adnkronos) - "Una spaccatura in seno al consiglio di amministrazione sulla strada da intraprendere avrebbe determinato una paralisi dell'azienda e l'impossibilitŕ di giungere a una soluzione condivisa. E' per questo motivo che ho deciso di fare un passo indietro". Lo scrive l'ormai ex presidente esecutivo di Telecom Italia, Franco Bernabč, che si č oggi dimesso dalla carica, in una lettera inviata ai dipendenti, che l'Adnkronos ha potuto leggere.

Bernabč ha rappresentato al cda "la necessitŕ di dotare la societŕ dei necessari mezzi finanziari a sostenere una strategia di rilancio". E prosegue: "Non c'č stata sufficiente attenzione da parte delle istituzioni per la salvaguardia di un patrimonio che č, prima di tutto, un patrimonio della collettivitŕ".

Prima di lasciare Telecom Italia, scrive Bernabč, "vorrei ringraziare tutti voi per il sostegno e l'affetto che mi č stato dimostrato in questi anni e ribadire a tutti che occorre continuare a difendere questo grande patrimonio per il Paese che č Telecom Italia". Azienda che, conclude, "ha segnato il progresso del nostro Paese e continuerŕ a contribuire alla costruzione del suo futuro".

Franco Bernabč ha formalizzato le dimissioni nel corso del cda del gruppo di tlc, il primo dopo il riassetto della holding Telco che ha visto la salita al 66% della spagnola Telefonica. Il Cda č proseguito sotto la direzione del vice presidente Aldo Minucci.

Consigliere esecutivo non indipendente e presidente del Comitato esecutivo, Bernabč possiede 468mila azioni ordinarie e 480mila azioni risparmio (di cui 30mila indirettamente), si legge nella nota del gruppo di tlc. Il Consiglio ha espresso i suoi vivi ringraziamenti a Bernabč per "il grande impegno e l'elevato apporto manageriale profuso in questi anni alla guida della societŕ".

E spunta il nome di Vito Gamberale nella corsa alla presidenza di Telecom. Mentre la partita della successione a Bernabč č ancora tutta aperta, nella rosa dei potenziali candidati, secondo quanto risulta all'Adnkronos, si fa strada il nome dell'attuale amministratore delegato del fondo F2i.

Una figura, quella del top manager abruzzese, che, fanno rilevare fonti industriali, puň contare sulla lunga esperienza maturata nel settore delle telecomunicazione. Gamberale approda, infatti, sul pianeta Iri nel '91, dove viene nominato amministratore delegato di Sip e dal 1994 č direttore generale di Telecom Italia e nel luglio 1995 ha assunto la carica di amministratore delegato di Telecom Italia Mobile, carica che ricopre fino all'aprile 1998.

Dopo la privatizzazione del gruppo, Gamberale assume la carica di direttore generale operazioni di Telecom Italia. Nel 1998 viene nominato vice-presidente di Telecom Italia Mobile e direttore generale di Telecom Italia, con delega al coordinamento strategico e operativo della telefonia fissa e mobile. E, venendo alla piů stretta attualitŕ, Gamberale č intervenuto, parlando in Senato nel corso di un'audizione, proprio sullo scottante dossier dello scorporo della rete di Telecom.

In mattinata i dipendenti di Telecom si sono riuniti in presidio di fronte alla sede di Piazza Affari a Milano. Sic-Cgil, Fistel-Cisl insieme alla Uilcom Uil di Milano e provincia hanno radunato diverse centinaia di persone in protesta contro "la svendita della nostra azienda". I lavoratori si dicono pronti allo sciopero contro questa "operazione finanziaria". Tra i manifesti esposti, anche uno che recita: "I diavoli della finanza cambiano, l'inferno dei lavoratori rimane".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Economia
commenta commenta 0    invia    stampa   
adnkronos.com  |   aki arabic  |   aki english  |   aki italiano  |   salute  |   labitalia  |   musei on line  |   immediapress