Almanacco del giorno - Oroscopo  - Meteo - Mobile  - iPad - SMS - Agenda Camera
"Compito di un intellettuale in queste ore è quello di dire: non è vero non siamo tutti uguali"

Saviano dottore in Legge: ''Dedico questa laurea ad honorem ai pm di Milano''

ultimo aggiornamento: 22 gennaio, ore 13:41
Genova - (Adnkronos) - Dall'autore di 'Gomorra' insignito oggi a Genova della laurea honoris causa in Giurisprudenza, la solidarietà a ''Ilda Boccassini, Antonio Sangermano e Pietro Forno che stanno vivendo giornate complicate solo per avere fatto il loro mestiere''


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 7    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Genova, 22 gen. (Adnkronos) - Lo scrittore Roberto Saviano ha dedicato la laurea ad honorem in Giurisprudenza ricevuta questa mattina all'università di Genova: "Ai magistrati Ilda Boccassini, Antonio Sangermano e Pietro Forno che stanno vivendo giornate complicate solo per avere fatto il loro mestiere".

Quindi lo scrittore e giornalista anti-mafia nella sua lectio magistralis ha ribadito il suo allarme contro la 'macchina del fango': chi racconta la verità sul potere oggi in Italia viene delegittimato e ha paura. "Le ore che vive il Paese - ha detto Saviano - sono complesse nella misura in cui chi racconta oggi ha paura. Siamo in democrazia - ha precisato - ma non si può negare che chiunque decida di prendere posizione critica verso il potere, verso il governo, sa cosa lo aspetta: delegittimazione, fango. La macchina del fango colpisce chi cerca di criticare".

Secondo Saviano "c'è un meccanismo strano: se tu racconti quello che è considerato dai magistrati un mio crimine nelle mie stanze private, io racconto le tue stanze private, racconto il tuo spazio. Attenzione, tutti hanno gli scheltrini negli armadi. In questo Paese - ha aggiunto - la parola continua a esistere, per fortuna, ma si ha soprattutto paura di una conseguenza personale. Questo sta avvenendo, è sempre avvenuto a chi cerca di contrastare le organizzazione le criminali. L'obiettivo è quello di dire: siamo tutti così".

Secondo lo scrittore "compito di un intellettuale in queste ore è quello di dire: non è vero non siamo tutti uguali", in momenti in cui "l'obiettivo continuo di parte dei media è dimostrare che siamo tutti sporchi e quindi dobbiamo stare tutti zitti". Da parte di chi ascolta "il compito è quello di discernere".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
non ci sono tag per la questa notizia, prova con la ricerca
tutte le notizie di Liguria
commenta commenta 0    invia    stampa   
adnkronos.com  |   aki arabic  |   aki english  |   aki italiano  |   salute  |   labitalia  |   musei on line  |   immediapress