Almanacco del giorno - Oroscopo  - Meteo - Mobile  - iPad - SMS - Agenda Camera

Fischi e applausi per Celentano

ultimo aggiornamento: 19 febbraio, ore 01:35
Sanremo - (Adnkronos/Ign) - Il 'Molleggiato' accolto anche da malumori e contestazioni quando torna sulla stampa cattolica. Garimberti: ''Nuovo attacco di cattivo gusto''. Claudia Mori a Verro: ''Complimenti per buffonata organizzata''. Il presidente della Rai: ''Comportamento inqualificabile''. All'Ariston gran finale, esordio all'insegna del 'peace and love'. L'ultima serata (FOTORACCONTO). Il direttore artistico Mazzi ribatte alla nota del dg Rai e annuncia l'addio a Sanremo: "Mie dimissioni non richieste". In calo gli ascolti della penultima serata del Festival


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Sanremo, 18 feb. (Adnkronos/Ign) - Contestazioni e applausi per Adriano Celentano nel suo intervento nel gran finale di Sanremo 2012. Malumori e fischi si sono levati dalla platea quando il Molleggiato ha nuovamente attaccato la stampa cattolica e i vescovi ma l'artista ha ricevuto anche moltissimi applausi.

Celentano non corregge il tiro e anzi ripete con maggior chiarezza i concetti espressi nel suo primo intervento sanremese, dopo aver intonato 'Therteen Women'. Niente scuse alla Cei ma anzi l'accusa ai vescovi di aver fatto finta di non capire. "La corporazione dei media si è coalizzata in massa contro di me", tra "i pochi che mi hanno capito uno mi ha colpito, don Mario, un prete che ho visto da Mara Venier. Grazie don Mario - dice - perché hai capito quello che i vescovi hanno fatto finta di non capire". Ma, aggiunge poi il Molleggiato, "io sono venuto qui a parlare con quei 18 milioni che hanno guardato il festival di Morandi" e di nuovo torna al discorso del Paradiso, all'importanza del rapporto tra uomo e Dio e di una vita diversa.

Sui giornali cattolici poi rilancia: "Io non ho il potere di chiudere i giornali come qualcun altro che può chiudere altre cose. Però potete cambiare testate, cambiare nome".

Chiusa la parentesi cattolica, Celentano torna vero 'Molleggiato' quando intona 'La cumbia di chi cambia', il pezzo-invettiva che Jovanotti ha scritto per il suo ultimo album. Adriano balla insieme ad una ballerina di colore. Poi entra Gianni Morandi e i due si incontrano vicino ad una scrivania. Gianni dice: "Grazie". Adriano risponde: "Prego". Gianni prosegue: "E' stato bello". E Celentano replica: "Anche per me". Poi i due cantano insieme 'Ti penso e cambia il mondo' e Morandi comincia a commuoversi già mentre duettano. Quando poi sul finale della canzone si siedono sui gradini del palco e Adriano afferma "è il festival di Morandi", Gianni salutando l'amico non trattiene le lacrime, lo saluta e poi confessa: "Ho rivissuto in questi dieci minuti con lui tutte le immagini della mia vita, da quando ero ragazzino ed ho iniziato ad imitarlo. Sono davvero felice. Celentano ama la gente, ama il festival, ama i media. Adriano non odia nessuno".

Le reazioni non si sono fatte attendere. Il presidente della Rai Garimberti - si apprende dalla presidenza di Viale Mazzini - ha giudicato ''di cattivo gusto il fatto che Celentano sia tornato ad attaccare i giornali cattolici, totalmente fuori contesto le teleprediche e il modo in cui sono stati toccati argomenti alti che andrebbero toccati in diverso contesto e con ben altro livello intellettuale''.

"Complimenti per la buffonata che avete organizzato" ha detto Claudia Mori rivolta al consigliere d'amministrazione della Rai Antonio Verro, uscendo dal Teatro Ariston dopo l'esibizione del marito. La moglie del 'Molleggiato' ha raggiunto Verro seduto in prima fila, gli ha stretto la mano e si è complimentata "per la buffonata" con evidente riferimento alle contestazioni ricevute da Adriano. "Sono rimasto interdetto - conferma Verro - è andata proprio così. Io sono rimasto basito".

''Piena solidarietà al consigliere Antonio Verro che è stato fatto oggetto di un comportamento inqualificabile e inaccettabile da parte della signora Mori" ha espresso in un comunicato il presidente della Rai. "Le tensioni di Sanremo - coonclude Garimberti - non giustificano in alcun modo accuse gratuite ad alcun rappresentante della Rai".

Interviene in un comunicato anche il direttore generale della Rai, Lorenza Lei: "Nessuno ha organizzato nulla e i fischi così come gli applausi sono fatti naturali. Al consigliere Verro va tutta la mia solidarietà".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
TAG
non ci sono tag per questa notizia
tutte le notizie di Sanremo 2014
commenta commenta 0    invia    stampa   
adnkronos.com  |   aki arabic  |   aki english  |   aki italiano  |   salute  |   labitalia  |   musei on line  |   immediapress