Home . AKI Italiano . Cultura e Media . Polemiche per statua ottomana che scatta un selfie, il comune la mette sotto scorta

Polemiche per statua ottomana che scatta un selfie, il comune la mette sotto scorta

CULTURA E MEDIA
Polemiche per statua ottomana che scatta un selfie, il comune la mette sotto scorta

Da Twitter

Per qualcuno è arte moderna, per altri è una trovata acchiappaturisti, per altri ancora un oltraggio alla memoria storica del paese. Non si placano le polemiche per una statua che il comune di Amasya, città turca sul Mar Nero, ha fatto erigere due giorni fa in una piazza. La statua rappresenta un principe ottomano in costumi tipici e spada. La sua particolarità è che, con il braccio destro proteso in avanti, la statua regge uno smartphone con cui si scatta un selfie. A qualcuno l'iniziativa proprio non è piaciuta, tanto che il comune ha dovuto fornire di scorta (in carne e ossa) il principe in acciaio brunito.

La maggior parte della popolazione e dei turisti sembra aver trovato quanto meno divertente l'iniziativa. Su Twitter e sugli altri social network sono ormai diverse centinaia le foto di utenti che si sono fotografati accanto alla statua, che, essendo a grandezza naturale e posizionata di fronte a un'area paesaggistica, dà l'idea di scattare un selfie di gruppo. Ma qualcuno ha invece obiettato che l'idea è un insulto all'arte, se non alla memoria storica della Turchia e soprattutto di Amasya, che sotto l'impero ottomano ospitava i giovani principi della corte di Istanbul, che qui venivano educati e addestrati a governare. Nella città sono anche nati diversi sultani.

Così, ieri, qualcuno ha preso di mira la statua, rompendo il telefono cellulare che aveva in mano. Poco dopo, è stata spezzata anche la spada che portava sul fianco. Stamattina la polizia è arrivata sul luogo del delitto, lo ha perquisito e, in attesa di trovare una soluzione allo sfregio, ha deciso di piantonare la piazza, fissando turni di 'scorta' al giovane principe. Un'inchiesta è stata aperta per identificare i responsabili degli atti vandalici.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI