Mo, Riad al-Malki in una lettera ai parlamentari del Regno Unito, votate sì a Stato palestinese

Il Regno Unito "voti sì" al riconoscimento della Palestina come Stato. E' questo l'appello lanciato dal ministro degli Esteri palestinese, Riad al-Malki, ai membri della Camera dei Comuni, che oggi voteranno una mozione non vincolante per il riconoscimento della Palestina come Stato. In una lettera ai parlamentari anglosassoni, Malki ha ricordato come diversi paesi Ue si siano espressi a favore del "diritto dei palestinesi all'autodeterminazione e alla creazione di uno Stato indipendente sulla base del principio dei due Stati" e che la Gran Bretagna è parte integrante di questo "contesto".

Per Maliki "è necessario aiutare a realizzare la soluzione dei due Stati" e in tal senso "il voto di oggi non mira solo a soddisfare le aspettative del nostro popolo ma serve anche a porre fine al gelo politico in tutta la regione". Il ministro degli Esteri ha respinto "le posizioni secondo cui la sovranità palestinese deve sottostare all'approvazione israeliana", sottolineando che Israele continua a ignorare le sue responsabilità come "forza occupante". "Come è possibile fare dei passi avanti se Israele sfugge alla sanzione e se non vi sono garanzie sul processo di pace?", si è chiesto Maliki.

Ricordando "le tragiche condizioni della popolazione nella Striscia di Gaza in seguito all'attacco israeliano", il capo della diplomazia palestinese ha esortato i parlamentari anglosassoni a votare a favore della mozione "per porre fine all'ingiustizia e all'occupazione e per una vita dignitosa, per la sicurezza e per la stabilità".