Home . AKI Italiano . Politica . Mo: Mashaal, su al-Aqsa Netanyahu scherza con il fuoco

Mo: Mashaal, su al-Aqsa Netanyahu scherza con il fuoco

POLITICA
Mo: Mashaal, su al-Aqsa Netanyahu scherza con il fuoco

Il premier israeliano Benjamin "Netanyahu scherza con il fuoco quando consente a membri del suo governo, della Knesset e ad estremisti di prendere d'assalto la moschea di al-Aqsa. Questo è molto pericoloso". Lo ha detto il capo dell'ufficio politico di Hamas, Khaled Mashaal, intervistato dalla tv britannica Sky News.

"La nostra è una battaglia nazionale - ha proseguito Mashaal - ma Netanyahu la sta trasformando in una battaglia religiosa". "E' lui il responsabile di quello che sta accadendo", ha aggiunto, riferendosi agli ultimi attentati in Israele.

"Netanyahu - ha continuato, riferendosi al recente attacco a una sinagoga di Gerusalemme, in cui sono morte cinque persone - è responsabile innanzitutto della morte degli israeliani e di quelle dei palestinesi che sono venute dopo, a causa di quello che viene commesso contro il nostro popolo, che non ha una prospettiva per la soluzione della questione palestinese".

"Il popolo palestinese - ha aggiunto Mashaal - non ha nulla da perdere, alla luce della continuazione dell'occupazione e degli insediamenti, dei furti della terra, degli attacchi contro donne e bambini e contro i siti sacri. Quello che succede è spontaneo, è la reazione spontanea degli uomini e delle donne palestinesi".

Mashaal ha quindi criticato il presidente palestinese Mahmod Abbas per la sua cooperazione di sicurezza con Israele, definendola "inaccettabile". C'è bisogno di un "cambio degli strumenti usati dai palestinesi", secondo Mashaal. Abbas, a suo dire, "ha posizioni che soddisfano gli standard dell'Occidente e degli americani. E Natanyahu cosa ha fatto in cambio? Nulla".

Mashaal ha infine fatto riferimento alle recenti votazioni dei parlamenti di Parigi e Londra che hanno riconosciuto lo Stato palestinese. Si tratta, secondo lui, di "sviluppi eccellenti", perché "il mondo ha cominciato a capire quanto sia giusta la causa palestinese".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.