Home . AKI Italiano . Politica . Svolta rosa nella diplomazia iraniana, presto prima ambasciatrice dalla Rivoluzione

Svolta rosa nella diplomazia iraniana, presto prima ambasciatrice dalla Rivoluzione

Promozione alla portavoce del ministero degli Esteri, prima volta dal 1979

POLITICA
Svolta rosa nella diplomazia iraniana, presto prima ambasciatrice dalla Rivoluzione

L'Iran avrà presto il suo primo ambasciatore donna all'estero dalla rivoluzione del 1979. Ancora non c'è nulla di ufficiale: le due agenzie semiufficiali iraniane Fars e Mehr anticipano l'imminente svolta riportando "notizie" non meglio precisate. Secondo quanto emerso a fare carriera sarà la portavoce del ministero degli Esteri di Teheran, Marzieh Afkham, nominata per questo incarico nel 2013. Ancora nessun indizio però su quale potrebbe essere la destinazione. "Afkham sarà nominata ambasciatore", si legge sul sito web in inglese della Mehr.

Nella storia dell'Iran c'è già un'ambasciatrice: Mehrangiz Dolatshahi nominata nel 1975 a capo dello staff diplomatico in Danimarca.

Dopo la rivoluzione del 1979, fu il riformista Mohammad Khatami nel 1997 a scrivere una pagina della storia della Repubblica Islamica con la nomina di Masumeh Ebtekar come prima vice presidente donna. Il 10 novembre 2013 Ebtekar è stata poi nominata vice presidente nel governo di Hassan Rohani. Il predecessore di quest'ultimo, Mahmoud Ahmadinejad, nominò nel 2009 il primo ministro donna della Repubblica Islamica: la ginecologa Marzieh Vahid-Dastjerdi, scelta come titolare del dicastero della Salute. La prima donna ministro nella storia dell'Iran fu Farrokhru Parsa, titolare dell'Istruzione dal 1968 al 1971.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI