Home . AKI Italiano . Politica . Erdogan: "Italia pensi alla mafia non a mio figlio". Renzi: "Giudici rispondono a leggi non a lui"

Erdogan: "Italia pensi alla mafia non a mio figlio". Renzi: "Giudici rispondono a leggi non a lui"

POLITICA
Erdogan: Italia pensi alla mafia non a mio figlio. Renzi: Giudici rispondono a leggi non a lui

(Xinhua)

"L'organizzazione di Gulen assomiglia alla loggia P2. E' peggiore della mafia". Lo ha detto il presiedente turco Recep Tayyip Erdogan ai microfoni di Rainews 24. Rispondendo all'Alto Rappresentante per gli Affari Esteri dell'Ue Federica Mogherini, che aveva condannato il tentato golpe dei giorni scorsi, Erdogan ha affermato: "Non doveva parlare da fuori. Prima di tutto doveva venire qui in Turchia. Ma finora non è venuto nessuno in visita né l'Europa né il Consiglio d'Europa".

Erdogan non risparmia dunque punzecchiature: "Se venisse bombardato il Parlamento italiano cosa succederebbe? Mogherini sarebbe preoccupata?". Il presidente turco interviene anche sull’indagine che a Bologna vede coinvolto il figlio per riciclaggio: "Che si occupino della mafia in Italia, non di mio figlio".

Sulla liberalizzazione dei visti per i cittadini turchi che Bruxelles è pronta a sospendere, Erdogan conferma la linea del ministro degli Esteri turco: "Cavusoglu ha detto giusto: senza la liberalizzazione dei visti per i cittadini turchi la riaccettazione dei migranti in Turchia, si fermerà".

Il presidente turco ribadisce le accuse ai Paesi occidentali rei di sostenere il "terrorismo" e i "golpisti". "Purtroppo l'Occidente sostiene il terrorismo e sta dalla parte dei golpisti", aggiunge in un discorso ad Ankara. "Nel tentativo di colpo di stato ci sono stati attori interni, ma la trama è stata scritta all'estero".

Fonti Ue: "Mogherini prima a condannare golpe ma rispetto democrazia" - Federica Mogherini "è stata la prima a condannare il golpe ed è stata chiarissima nella difesa delle istituzioni democratiche turche. Questo non significa che la reazione al tentativo di colpo di stato non debba avvenire nel pieno rispetto della democrazia, dei diritti umani, dello stato di diritto, del principio del giusto processo e della libertà di stampa". L'Alto rappresentante "continuerà sulla stessa linea, non a titolo personale ma dell'Ue dei suoi membri, per i quali questi principi sono e restano fondamentali, compreso il rifiuto della pena di morte". E' la posizione dell'Alto Rappresentante per gli Affari Esteri della Ue Federica Mogherini, trapelata da fonti Ue, dopo l'attacco di Erdogan. Mogherini ha preferito non rispondere "perché non è nel suo stile replicare ad attacchi personali", riferiscono le fonti, ricordando che Mogherini "ha già espresso chiaramente la posizione dell'Ue in queste settimane, e continuerà a farlo a nome dei 28". "In questi giorni Mogherini ha parlato diverse volte con Cavusoglu, l'ultima meno di una settimana fa, e continuerà a farlo per ascoltare dalle autorità turche le loro posizioni ed esprimere quelle dell'Ue".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI