Home . AKI Italiano . Religione . Caldo record in Pakistan, arriva la fatwa per stop digiuno Ramadan

Caldo record in Pakistan, arriva la fatwa per stop digiuno Ramadan

RELIGIONE
Caldo record in Pakistan, arriva la fatwa per stop digiuno Ramadan

(Foto Afp)

"L'Islam consente agli anziani, ai malati, alle persone deboli di non seguire il digiuno in condizioni difficili" e "non bisogna rischiare la vita". Dopo oltre 850 morti a causa dell'eccezionale ondata di caldo nella provincia pakistana del Sindh, è con queste parole che un importante leader religioso di Karachi, la megalopoli duramente colpita dal caldo record, ha sollevato i musulmani dall'obbligo del digiuno durante il mese sacro di Ramadan.

La fatwa (editto religioso) - riferisce l'agenzia di stampa Dpa - arriva dal mufti Naeem, leader religioso della madrasa Binori di Karachi, considerata tra le principali del Pakistan, con milioni di seguaci in Pakistan e nel vicino Afghanistan.

Il mese di Ramadan è il nono mese del calendario islamico durante il quale i musulmani digiunano dall'alba al tramonto. E' il versetto 183 della seconda Sura del Corano che prescrive il digiuno per i fedeli in questo periodo. Per la sharia il digiuno di Ramadan è un atto basilare di culto, obbligatorio per tutti i musulmani ad eccezione dei più 'vulnerabili', come ad esempio anziani, donne in gravidanza e malati.

In Pakistan durante il Ramadan ristoranti, bar e chioschi restano sempre chiusi fino al tramonto. A volte arrivano notizie di persone picchiate da folle inferocite che le hanno sorprese a bere o mangiare in luoghi pubblici.

A Karachi la maggior parte delle vittime dell'ondata di caldo è morta per disidratazione. Secondo Seemin Jamali, medico del Jinnah Hospital della città citato dalla Dpa, molte vittime erano anziani che seguivano il digiuno. Per il mufti Naeem di Jamia Binori, "la gente non deve rischiare la vita per un dovere religioso" perché "la vita è più importante".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI