Home . AKI Italiano . Sicurezza . Libia: Haftar, lo scontro e' la soluzione, niente dialogo (2)

Libia: Haftar, lo scontro e' la soluzione, niente dialogo (2)

SICUREZZA

(Aki/Washington Post) - L'offensiva, ovvero ''Operazione Dignita''', consiste ''in una serie di battaglie'', ha spiegato Haftar, sottolineando come i suoi rivali si trovino in zone abitate e come pertanto sia stato escluso l'uso dell'artiglieria e della forza aerea. ''Ci vorra' del tempo'', ha affermato, sostenendo di non aver ricevuto sostegno dall'estero e di non essere in contatto con gli Usa.

''Al momento l'unica cosa importante e' la sicurezza di tutti i cittadini'', ha detto il generale in congedo rispondendo a una domanda sulle sue ambizioni in un futuro governo. L'obiettivo dichiarato di Haftar e' la creazione di forze armate e di sicurezza operative.

La forza fedele a Haftar, l''Esercito nazionale libico', conta sull'appoggio di ufficiali libici in congedo e di milizie legate a Bengasi, Tobruk, Ajdabiya e Zintan. Ieri hanno dichiarato il suo sostegno a Haftar anche l'ex premier Ali Zeidan e il generale a riposo Suleiman Mahmoud. Il partito Giustizia e Costruzione, legato ai Fratelli Musulmani, ha condannato l'offensiva e ha chiesto l'avvio del dialogo per ''evitare spargimenti di sangue''. Ansar al-Sharia, gruppo attivo a Bengasi, ha denunciato una ''guerra contro l'Islam''. Per Haftar non e' l'inizio di una guerra civile. ''Al contrario - ha detto - abbiamo la gente dalla nostra parte''.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI