Home . AKI Italiano . Sport . Calciatori iraniani 'ammoniti', vietati i selfie con le tifose in Australia

Calciatori iraniani 'ammoniti', vietati i selfie con le tifose in Australia

La nazionale impegnata in Australia nella Coppa d'Asia

SPORT
Calciatori iraniani 'ammoniti', vietati i selfie con le tifose in Australia

I calciatori iraniani non possono scattarsi selfie con le tifose. L'avvertimento arriva dal responsabile della commissione disciplinare della Federcalcio iraniana, Ali Akbar Mohamedzade, che ha 'ammonito' i titolari della nazionale impegnati nella finale della Coppa d'Asia in Australia per essersi fatti fotografare insieme ad alcune tifose della comunità degli espatriati iraniani. Nella Repubblica Islamica, infatti, alle donne è impedito seguire competizioni sportive maschile e il codice di abbigliamento islamico imposto in Iran impone alle donne di vestirsi in modo ben diverso rispetto a come lo erano le iraniane dei selfie scattati nell'estate australiana.

"I giocatori non sono autorizzati a posare per selfie con fan di sesso femminile - ha quindi avvertito Mohamedzade - Loro (le donne, ndr) possono poi utilizzare queste foto per un ricatto politico contro il nostro Paese o per citare in giudizio i giocatori per molestie''. Segue l'avvertimento: "Se i giocatori si rifiutano di agire secondo le nostre istruzioni chiare, allora non avremo altra scelta se non prendere provvedimenti".

In merito al comportamento della squadra iraniana è stato anche interrogato l'allenatore della nazionale, il portoghese Carlos Queiroz. "Nei selfie che i nostri giocatori hanno scattato con i tifosi possiamo vedere che in alcuni appaiono accanto a persone il cui aspetto è contro i nostri principi morali - ha detto Mohamedzade - Ho quindi dovuto contattare l'allenatore della nazionale e l'ho interrogato su questo problema. Lui ha esplicitamente negato di aver accettato la pubblicazione di tali selfie sui social network''.

Nella copertura mediatica iraniana della Coppa d'Asia sono infatti state censurate le immagini che mostrano donne "impropriamente vestite", tanto che il commentatore sportivo Adel Ferdosipour ha detto sarcasticamente che la squadra sembrava avere solo una coppia in abiti tradizionali a sostenerla. Diversa, invece, la copertura dell'evento sui social media, dove sono apparse le tifose e tra loro una che aveva sostituito la fascia centrale della bandiera iraniana, quella che porta l'emblema nazionale, con un messaggio in inglese rivolto al portiere Alireza Haghighi: ''Mi vuoi sposare Alireza?". Sono circa 70mila gli iraniani che vivono in Australia e in migliaia stanno seguendo la nazionale nella Coppa d'Asia, dove l'Iran ha già sconfitto Bahrain e Qatar.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI