Home . Cultura . A Firenze 'ReSignifications' del black body, sugli stereotipi dell'identità nera in Occidente

A Firenze 'ReSignifications' del black body, sugli stereotipi dell'identità nera in Occidente

CULTURA
A Firenze 'ReSignifications' del black body, sugli stereotipi dell'identità nera in Occidente

'ReSignifications' e 'Black Portraiture{s} II'. Sotto questi titoli una mostra e una conferenza alla New York University Florence per riunire artisti e accademici da tutto il mondo in un confronto sui modelli e gli stereotipi dell'identità nera in Occidente, volto ad esaminare il ruolo che arti visive, cinematografia, letteratura e musica svolgono nella costruzione della visione del 'black body' nell'immaginario della Cultura Occidentale. Il ciclo di eventi si apre con la conferenza dal 28 al 31 maggio prossimi e prosegue con la mostra dal 29 maggio al 29 agosto.

'ReSignifications', mostra dalla narrativa decisamente rivoluzionaria a cura del nigeriano Awam Amkpa, drammaturgo, regista, produttore cinematografico, studioso e docente di Teatro e Africana Studies presso la New York University, trae ispirazione dalle sculture raffiguranti 'moretti' (Blackamoors) della collezione di Villa La Pietra rappresentati in posture di servitù a scopo ornamentale.

Fin dal 2012 artisti provenienti da Stati Uniti, Africa ed Europa sono stati invitati a 'vivere' la collezione di Villa La Pietra e a fornire la loro risposta artistica alle rappresentazioni dei Blackamoors, contrapponendo una selezione di oggetti tridimensionali, modelli e sculturea reinterpretazioni e contro-narrative provenienti da un ampio spettro di prospettive contemporanee.

Le opere presentate in mostra includono i lavori di artisti quali Carrie Mae Weems, Fred Wilson, Mickalene Thomas, Zanele Muholi, Omar Diop, Peju Alatise e Mary Sibande. 'ReSignifications' sarà allestita nelle tre diverse sedi di Villa La Pietra, Fondazione Biagiotti Progetto Arte, e Museo Bardini.

'Black Portraiture{s} II: Imaging the Black Body and Re-Staging Histories', programmata per coincidere con l’apertura della mostra, è la sesta di una serie di conferenze di grande successo organizzate da New York University e Harvard University.

Con oltre 40 forum di discussione e presentazioni relative ad una vasta gamma di argomenti trasversali, 'BlackPortraiture {s } II' adotterà un approccio accademico al tema delle rappresentazioni del 'black body' in tutto il mondo. Fra i relatori, Ayoka Chinzera, Alessandra Di Maio, Salah Hassan, Maaza Mengiste, Misan Sagay, Simon Njami, Ella Shohat, Joan Morgan e Jason King, mentre sono più di 700 i partecipanti confermati.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.