Home . Cultura . Mibact, da oggi apertura straordinaria dei principali musei italiani fino alle 24

Mibact, da oggi apertura straordinaria dei principali musei italiani fino alle 24

Fino al 19 dicembre ogni sabato notte in tutti i luoghi d’eccellenza

CULTURA
Mibact, da oggi apertura straordinaria dei principali musei italiani fino alle 24

Tra le aperture straordinarie anche quella del Museo di Capodimonte (foto Infophoto)

A partire da oggi fino al 19 dicembre, ogni sabato notte, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo promuove l’apertura straordinaria dei suoi luoghi d’eccellenza.

Dalle 20 alle 24 e per 28 sabati consecutivi, a partire da oggi, i principali musei italiani offriranno dunque al pubblico una nuova opportunità di visita e di scoperta, allineandosi in tal modo agli standard seguiti nei più importanti luoghi della cultura internazionali.

Tra gli scopi dell’iniziativa promossa dal dicastero guidato dal ministro Franceschini vi è non solo quello di incentivare nuove forme di fruizione del patrimonio culturale nazionale, ma anche quello di venire incontro alle esigenze di cittadini e turisti con una programmazione delle aperture più ampia e flessibile di quella consueta, tale da consentire di intercettare l’attenzione di fasce di età e di pubblico che solitamente non hanno l’opportunità di accedere ai nostri musei nei loro orari quotidiani.

Questa sera resteranno aperti: il museo archeologico nazionale di Napoli, gli scavi di Pompei e di Ercolano, il museo di Capodimonte, la Reggia di Caserta, il museo archeologico nazionale di Reggio Calabria, il museo e il parco archeologico di Paestum, il Palazzo Reale di Genova, la Pinacoteca di Brera, il Palazzo ducale di Mantova, la Galleria nazionale delle Marche, il Palazzo reale di Torino, il museo archeologico di Taranto, gli Uffizi e la Galleria dell'Accademia di Firenze, la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia, le Gallerie dell'Accademia di Venezia.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI