Alla Biennale 'Designing the complexity', un percorso sensoriale attraverso i colori e la materia Oikos /Foto

Happening di luci e colori alla Scuola Grande della Misericordia a Venezia, dove Oikos e l'architetto Mauro Piva, nell'ambito della quindicesima biennale di architettura, hanno dato vita ad una installazione dal forte impatto emotivo.

Sette stazioni cromomateriche (Foto) disposte lungo il perimetro interno della Misericordia sono state illuminate da un avanzato sistema a led in grado di restituire una luce purissima. Le stazioni cromomateriche sono state dipinte con una scala cromatica studiata su misura. Se ne e' occupata Vicky Syriopoulou, color designer di Oikos, che da anni lavora in sinergia con Marco Piva. Oikos attraverso l'uso del colore, della materia green rielabora i concetti della decorazione italiana ricercando sempre le migliori soluzioni per offrire benessere nei luoghi del vivere.

La mostra allestita da Oikos nella Scuola Grande della Misericordia nell'ambito della quindicesima biennale di architettura coinvolge il pubblico fin dallo sviluppo del progetto, passando dalla selezione dei materiali fino all'allestimento finale. Lo spettatore quindi segue un percorso sensoriale attraverso i colori e la materia Oikos, una suggestione progettuale, dice l'architetto Marco Piva, per immaginare superfici non semplicemente colorate.