Terremoti in mostra al Museo di Storia Naturale di Milano

Con una tempestività frutto di una triste coincidenza, il Museo di Storia Naturale di Milano ospita, da sabato prossimo fino al 30 aprile 2017, la mostra 'Terremoti', allestita in sette sale con un percorso fatto di immagini spettacolari, fotografie satellitari provenienti dalla Nasa, diorami di grandi dimensioni, filmati, una vasca in cui viene simulata un’onda di tsunami, una tavola sismica, sismografi e strumentazione antica e moderna, ma anche rocce e minerali provenienti dalla ricca collezione del Museo di Storia Naturale che illustreranno la diversità della crosta terrestre.

La mostra vuole aiutare i visitatori a conoscere meglio questi eventi naturali, le cause che li scatenano, dove avvengono, con quale frequenza e le modalità con cui le onde sismiche si propagano, ma vuole anche aiutare anche a capire quali sono quelle semplici regole comportamentali da adottare per limitare i danni che un terremoto può provocare. Una sezione sarà dedicata ai terremoti del passato più importanti e spaventosi, fra cui quello di Messina del 1908 riprodotto in un grande diorama, un’altra sezione riguarderà gli tsunami e vedrà la presenza di un modello in scala di boa per la sorveglianza di questi fenomeni, attualmente utilizzata a Stromboli.

Grande rilievo sarà dato al tema della prevenzione, sia in campo ingegneristico in relazione alla costruzione con criteri antisismici e all’utilizzo di materiali all’avanguardia come la carta in fibra di vetro che viene adoperata come rete di contenimento delle pareti, sia per quanto riguarda la conoscenza degli strumenti più innovativi atti a proteggerci in caso di terremoto, ad esempio saranno presenti degli speciali banchi di scuola progettati per reggere il peso della caduta di una tonnellata dall’altezza di sei metri.

La mostra è promossa e prodotta dal Comune di Milano - Cultura e dal Museo di Storia Naturale di Milano, con l'Associazione di divulgazione scientifica Vulcano Esplorazioni e Silvana Editoriale. Alla mostra sono collegati laboratori esperienziali e attività didattiche a cura di ADM, con percorsi personalizzati in base alle diverse età degli utenti. La presentazione dell'allestimento si terrà domani nella sede del museo, in Corso Venezia 55, alle ore 12,30, con l'introduzione di Domenico Piraina, Direttore del museo, e gli interventi di Filippo del Corno, Assessore alla Cultura del Comune di Milano; Graziano Ferrari, Responsabile Unità Funzionale Sismos - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia; Carlo Meletti, responsabile del Centro Pericolosità Sismica dell'Ingv; e Marco Carlo Stoppato, geologo e curatore della mostra.