Home . Cultura . Premio Strega, 27 opere in lizza e per la 71esima edizione torna a Villa Giulia

Premio Strega, 27 opere in lizza e per la 71esima edizione torna a Villa Giulia

CULTURA
Premio Strega, 27 opere in lizza e per la 71esima edizione torna a Villa Giulia

Villa Giulia a Roma (Fotogramma)

Sono 27 le opere candidate alla 71esima edizione del Premio Strega e per la serata finale si torna al Ninfeo di Villa Giulia. La chiusura delle candidature arriva proprio nel giorno in cui Tullio De Mauro, a lungo presidente della Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e del comitato direttivo del Premio, avrebbe compiuto 85 anni. Il passo successivo sarà la scelta dei dodici titoli che si disputeranno il prestigioso riconoscimento, che avverrà a Tempo di Libri – Fiera dell’editoria italiana, giovedì 20 aprile, in attesa della prima votazione per la designazione della cinquina dei finalisti che si terrà a Casa Bellonci il 14 giugno.

"I secondi settant’anni dello Strega ripartono dal Ninfeo di Villa Giulia – annuncia Giovanni Solimine, succeduto a De Mauro alla presidenza della Fondazione Bellonci – che rappresenta una componente importante della storia del Premio. È una scelta identitaria alla quale tenevamo moltissimo. Questo richiamo alla tradizione si accompagna ad alcuni profondi cambiamenti, ai quali stiamo lavorando e che annunceremo il 20 aprile insieme alla lista dei libri concorrenti".

Dopo la serata speciale all’Auditorium Parco della Musica in occasione del LXX Premio Strega, gli Amici della domenica torneranno infatti a riunirsi nella Villa di Papa Giulio per la proclamazione del vincitore, il prossimo 6 luglio, nella data consueta del primo giovedì del mese.

Concorrono per la vittoria dell’edizione 2017 del Premio Strega – promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Liquore Strega in collaborazione con Bper Banca e Toyota Motor Italia – ventisette opere di narrativa, ciascuna presentata da due Amici della domenica, lo storico corpo votante che dal 1947 attribuisce il riconoscimento a un libro pubblicato tra il 1° aprile dell’anno precedente e il 31 marzo dell’anno in corso.

Il comitato direttivo del Premio – composto da Valeria Della Valle, Giuseppe D’Avino, Ernesto Ferrero, Simonetta Fiori, Alberto Foschini, Paolo Giordano, Melania Mazzucco, Gabriele Pedullà, Stefano Petrocchi, Marino Sinibaldi e Giovanni Solimine – sceglierà i dodici libri che si disputeranno la settantunesima edizione e che saranno annunciati a Tempo di Libri – Fiera dell’editoria italiana, giovedì 20 aprile alle ore 11,30.

Ecco le opere presentate: Teresa Ciabatti con 'La più amata' (Mondadori), presentato da Stefano Bartezzaghi e Edoardo Nesi; Paolo Cognetti con 'Le otto montagne' (Einaudi), presentato da Cristina Comencini e Benedetta Tobagi; Domenico Dara con 'Appunti di meccanica celeste' (Nutrimenti), presentato da Valeria Parrella e Andrea Vitali; Anna Giurickovic Dato con 'La figlia femmina' (Fazi), presentato da Maria Ida Gaeta e Giuseppe Leonelli; Giorgio Dell'Arti con 'Bibbia pagana' (Clichy), presentato da Fulvio Abbate e Raffaele La Capria.

Marco Ferrante con 'Gin tonic a occhi chiusi' (Giunti), presentato da Pierluigi Battista e Antonella Cilento; Silvana Grasso con 'Solo se c’è la luna' (Marsilio), presentato da Lucia Annunziata e Salvatore Silvano Nigro; Davide Grittani con 'E invece io' (Robin) presentato da Maria Cristina Donnarumma e Roberto Pazzi; Wanda Marasco con 'La compagnia delle anime finte' (Neri Pozza), presentato da Paolo Di Stefano e Silvio Perrella; Chiara Marchelli con 'Le notti blu' (Perrone), presentato da Elisabetta Mondello e Giorgio Van Straten.

Gian Domenico Mazzocato con 'Il castrato di Vivaldi' (Biblioteca dei Leoni), presentato da Maurizio Cucchi e Paolo Ruffilli; Monaldi&Sorti con 'Malaparte. Morte come me' (Baldini &Castoldi), presentato da Franco Cardini e Lucio Villari; Matteo Nucci con 'È giusto obbedire alla notte' (Ponte alle Grazie), presentato da Annalena Benini e Walter Pedullà; Ferruccio Parazzoli con 'Amici per paura' (SEM), presentato da Giorgio Ficara e Sergio Zavoli; Fabrizio Patriarca con 'Tokyo transit' (66th&2nd), presentato da Raffaele Manica e Alessandro Piperno; Carmela Pierri con 'Mangia con gli occhi' (Aracne), presentato da Antonio Augenti e Simonetta Bartolini.

Giorgio Pressburger con 'Don Ponzio Capodoglio' (Marsilio), presentato da Gianfranco De Bosio e Massimo Raffaeli; Nicola Ravera Rafele con 'Il senso della lotta' (Fandango Libri), presentato da Filippo La Porta e Paola Mastrocola; Alberto Rollo con 'Un’educazione milanese' (Manni), presentato da Giuseppe Antonelli e Piero Dorfles; Marco Rossari con 'Le cento vite di Nemesio' (e/o), presentato da Giancarlo De Cataldo e Fabio Geda; Lodovica San Guedoro con 'Pastor che a notte ombrosa nel bosco si perdé' (Felix Krull), presentato da Maria Rosa Cutrufelli e Dacia Maraini; Vanni Santoni con 'La stanza profonda' (Laterza), presentato da Silvia Ballestra e Alessandro Barbero.

Luigi Sardiello con 'Il punto che non conosco' (Licosia), presentato da Masolino d’Amico e Franco Di Mare; Tito Schipa Jr con 'Orfeo 9 – Then an Alley' (Argo), presentato da Paolo Ferruzzi e Marcello Panni; Gianni Tetti con 'Grande nudo' (Neo), presentato da Raffaella Morselli e Massimo Onofri; Alberto Toso Fei con 'Orientalia' (Round Robin), presentato da Roberto Ippolito e Mimmo Paladino; Claudio Volpe con 'La traiettoria dell’amore' (Laurana), presentato da Francesca Pansa e Carla Tagliarini. I libri selezionati dal Comitato direttivo concorreranno anche alla quarta edizione del Premio Strega Giovani, che coinvolgerà una giuria di circa cinquecento ragazze e ragazzi, di età compresa tra i 16 e i 18 anni, in rappresentanza di cinquanta licei e istituti tecnici diffusi su tutto il territorio italiano e all’estero.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI