Home . Cultura . Dalla penna al lampadario, nuova vita per 12mila BIC

Dalla penna al lampadario, nuova vita per 12mila BIC

CULTURA
Dalla penna al lampadario, nuova vita per 12mila BIC

Nuova vita per 12mila BIC. A Parigi un’installazione futuristica sta attirando la curiosità dei 450mila viaggiatori che ogni giorno transitano dalla stazione Saint-Lazare: è il BIC Pavilion, progettato e costruito da un team di architetti e ospitato da SNCF - le Ferrovie Francesi - nella hall centrale della stazione, dove sarà esposto fino a metà maggio.

Originariamente realizzata per la candidatura a un bando di gara ingegneristico, questa struttura sospesa è composta di 12.843 penne BIC® Cristal® tenute insieme da una serie di connettori appositamente progettati e testati per soddisfare i requisiti del progetto in termini di resistenza e flessibilità. Con questo progetto, i creatori hanno voluto trasformare la funzione della penna, mantenendone solo la consistenza, il riflesso e la trasparenza. Così esautorata della sua funzione originaria e moltiplicata, la BIC diventa una trama decorativa e addirittura un nuovo materiale: il riuso e la trasformazione della sua funzione risultano in una sorta di lampadario futuristico che esprime lo spirito dell’arte contemporanea.

Gli artisti sono Yousef & Elias Anastas - AAU Anastas, studio internazionale di architetti, specializzato in architettura, ricerca e design; Yann Santerre - REVEL, giovane azienda diretta da tre architetti con l’obiettivo di esplorare nuovi modi di vedere gli oggetti e i materiali e di combinarli in una modalità inedita; Landolf Rhode-Barbarigos - University of Miami, laboratorio di ricerca specializzato in ingegneria e nel design computazionale.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI