Home . Cultura . Rappresentanti delle scuole di Roma per la prima volta nella Moschea

Rappresentanti delle scuole di Roma per la prima volta nella Moschea

CULTURA
Rappresentanti delle scuole di Roma per la prima volta nella Moschea

Per la prima volta i rappresentanti delle scuole di Roma si incontreranno nella Moschea della Capitale per confrontarsi sul tema delle religioni come sistemi educativi e sull'Islam in particolare . E' la terza ed ultima tappa di un percorso disegnato dalla presidente dell'Istituto di Psicologia Interculturale onlus, Antonella Castelnuovo, che nel 2015 ha messo a fuoco lo stesso tema con un approfondimento sull'ebraismo, nel 2016 sul cristianesimo e quest'anno sull'islam, scegliendo una location inedita quale è il principale luogo di culto della comunità musulmana nella capitale.

Il titolo della due giorni che si terrà il 6 e 7 settembre nella sala conferenze del Centro Islamico Culturale d’Italia (la grande Moschea di Roma appunto) è precisamente 'Le religioni come sistemi educativi: l’Islam'. Sarà Abdullah Redouane, il direttore del Centro Islamico, a prendere per primo la parola dando così il via ai tanti interventi che si soffermeranno sugli aspetti filosofici, approfondendo il rapporto fra tradizione e rinnovamento verso una mentalità islamica europea; sul background storico e sociale; sui risvolti educativi nella cultura della Nahda e sugli ambiti umanistico-letterari. Fra gli invitati a partecipare il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli e il direttore dell'ufficio scolastico della Regione Lazio Gildo De Angelis.

"Ebraismo, cristianesimo e Islam sono le tre religioni storicamente presenti in Europa ed è importante poterle approfondire assieme alle scuole per conoscere e comprendere i diversi modelli dell'accoglienza, per confrontarsi con gli apporti culturali di questi tre credi religiosi ma non certo sotto il profilo della fede o della politica, quanto piuttosto sotto il profilo dell'educazione", spiega Castelnuovo, che è anche docente di mediazione linguistico culturale presso il Master in Religioni e mediazione culturale all'Università Sapienza di Roma, che ha dato il patrocinio all'iniziativa.

"Non si tratta - prosegue la presidente - di una discettazione puramente teorica ma di uno spazio di approfondimento che ha uno scopo preciso: vorrei, infatti, che all'indomani del convegno le scuole facessero conoscere fra loro ragazzi di religioni diverse impegnandoli su un progetto comune con forti ricadute sociali ed etiche, volto cioè a migliorare la società di cui fanno parte tutti i ragazzi. L'ambiente potrebbe essere uno dei campi di sperimentazione". Un'idea per cominciare? "Beh, ripulire Roma o adottare un giardino della Capitale". Più concreto di così!

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI