Home . Cultura . Da Giulietta alla Ds, l'arte di dare un nome alle automobili

Da Giulietta alla Ds, l'arte di dare un nome alle automobili

CULTURA
Da Giulietta alla Ds, l'arte di dare un nome alle automobili

Una pubblicità della Giulietta di fine anni 50

A un’automobile non serve un ‘nome’ per entrare nella storia: l’esempio della Porsche 911 lo conferma. Ma l’emozione che certi modelli sanno suscitare nasce anche dalla scelta di nomi più o meno evocativi (quando sono azzeccati). E l’Italia in questo processo ha un posto di assoluto rilievo, fra nomi di donna – Flavia, Fulvia, Flaminia – o di località (Maranello, Capri, Modena), ma grazie anche alla musicalità della nostra lingua. Lo conferma lo storico dell’Onomastica Enzo Caffarelli, in un volume ‘I nomi delle automobili’ (Ed. Ser – L’Officina Romana, pp.117) in cui scandaglia, fra sigle e denominazioni degli ultimi 125 anni, il percorso che porta a ‘battezzare’ un modello.

A volte è solo una semplice coincidenza, come l’aneddoto secondo cui fu la galanteria di un principe russo, in un ristorante parigino, a indicare l’unica donna al tavolo di un gruppo di ingegneri dell’Alfa come ‘la Giulietta fra tanti Romei’. Altre volte c’è una lunga ricerca, con tanto di sondaggio fra i clienti (come per la VW Tiguan), altre volte ancora il nome di una vettura arriva dopo: un soprannome – il ‘Maggiolino’ o la ‘Topolino’ – che si va a sommare alla definizione ufficiale (Typ1 e 500) fino a cancellarlo per entrare nell’immaginario collettivo. Ci sono poi le scelte perfette, come quella di ribattezzare la nuova Citroen DS, ovvero 'déesse', in francese: e dalla strada al mito la ‘dea’ non ha mai perduto il suo nome ideale.

Ma il libro di Caffarelli – che verrà presentato sabato 27 al Museo delle Auto della Polizia di Roma – copre anche tanti altri aspetti di questo processo, dai nomi ‘scomparsi’ alle sigle, passando per le curiosità – come l’agenzia italiana Nome che ha battezzato la Renault Clio o la Fiat Stilo – e per le denominazioni ‘infelici’ .

Qui il racconto rischia di allungarsi, perché quasi sempre per un nome la difficoltà di essere accettato è legata a riferimenti locali: così in Italia hanno faticato – fino a sparire - la VW Jetta e la ‘sorella’ Bora (burina in dialetto romanesco). Ma non è andata meglio alla Opel Nova (Non va, in spagnolo) o alla Toyota MR2 (che in Francia diventava simile a ‘est merdeux’ e la traduzione è inutile).

Un controllo preventivo, infine, avrebbe evitato a Mazda di ribattezzare un suo modello ‘Laputa’ (in spagnolo davvero poco elegante) mentre la Rolls Royce fece in tempo a bloccare la distribuzione della raffinata ‘Silver Mist’. L’evocativa ‘foschia argentata’ – ideale per una vettura così raffinata - in tedesco avrebbe funzionato molto meno, visto che Mist significa ‘sterco’.

Insomma, un libro per guardare alle auto in maniera diversa, scoprendo il percorso – spesso affascinante, talora divertente – che porta a dare un nome a un modello. Una storia antica come le stesse quattro ruote, se si considera che la più antica marca al mondo ha ‘rubato’ il nome a una ignara bambina, figlia del console a Nizza dell’impero austro-ungarico Emil Jellinek. Anche la sorellina Maja, ebbe in ‘regalo’ dal padre il nome di un modello, ma di lei si è persa traccia. Della piccola Mercedes, invece, no.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.