Home . Cultura . Ecco 'Le qualità dei leader'

Ecco 'Le qualità dei leader'

CULTURA
Ecco 'Le qualità dei leader'

È uscito in Italia 'Le qualità dei leader: 65 skill fondamentali per esercitare la leadership', il nuovo libro edito da Roi Edizioni di Jo Owen, top manager e autore di best seller, l’unico al mondo ad aver vinto tre volte il Gold Medal Award del Chartered Management Institute con i suoi libri tradotti in 20 lingue, consulente per aziende come Apple, Philips, American Express, Symantec, Bbc e Unilever.

Sia che tu voglia migliorare le tue doti di leadership, sia che tu voglia fare le pulci al tuo capo, 'Le qualità dei leader' sarà la tua guida pratica per individuare i must-have del leader moderno, cioè le 65 caratteristiche che non possono mancare nel modus operandi del boss che tutti vorrebbero. Si va dalle più tradizionali ('essere responsabili') a quelle più insolite ('imparare a essere fortunati') e ognuna è accompagnata da schede di approfondimento, consigli ed esercizi per metterle in pratica.

Definire il concetto di leadership perfetta è praticamente impossibile, poiché i leader, come le persone, possono avere tante forme diverse. Ciò che invece è più facile capire è come non bisogna esercitare la leadership, cioè come non deve essere un buon capo. A tutti sarà capitato almeno una volta nella vita di avere un capo odioso, uno di quelli che si potrebbero assimilare alla 'morte nera' (dalla saga 'Guerre Stellari'). Se ti è successo, probabilmente è per uno dei seguenti motivi.

Ecco i quatto capi da evitare assolutamente:

1) Capi troppo forti. Sono i Darth Vader (personaggio della saga 'Guerre Stellari', ndr) che pretendono da te anche l’anima. Ci sono buone notizie in proposito: hanno un atteggiamento molto protettivo nei confronti del loro team. Ma nel momento in cui ti tiri indietro, o deludi le loro aspettative, sei morto e sepolto. Con queste persone sei al 100% dentro o sei al 100% fuori. Tendono a 'divorare' i collaboratori a un ritmo allarmante.

2) Capi troppo deboli. Sembra facile lavorarci assieme, ma nei momenti cruciali tendono frequentemente a deludere le aspettative in tema di retribuzione, promozioni e incarichi.

3) Capi incompatibili. Hanno semplicemente una personalità che non si concilia con quella del collaboratore, per cui si crea un’incompatibilità (per esempio due introversi che non hanno nulla da dirsi o due egocentrici che si contendono il ruolo di primadonna). Oppure hanno uno stile totalmente in conflitto con quello del collaboratore.

4) Capi al posto sbagliato. Anche se il capo è perfetto, se lavora nella parte sbagliata dell’organizzazione avrai dei grossi problemi. Dal tuo punto di vista, la parte sbagliata dell’organizzazione è quella in cui hai poche probabilità di successo o una progressione di carriera limitata.

Negli ultimi 13 anni Jo Owen ha fondato sette società e una charity company che ha aiutato oltre 250 ex detenuti a raggiungere e mantenere un lavoro autonomo.

Attualmente Owen è fondatore e amministratore della Teach First, società di recruiting nella top 5 del Regno Unito. Come ricercatore, ha condotto uno studio sugli stili di leadership per conto dell’Università di Oxford, trasmesso dalla Cnn. Ha condotto e partecipato a programmi televisivi della Bbc e scrive abitualmente per magazine tra cui Times, The Week, Daily Telegraph e Financial Times.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI