Home . Fatti . Cronaca . Caso Meredith: Sollecito, nessuna prova fattuale contro di me

Caso Meredith: Sollecito, nessuna prova fattuale contro di me

CRONACA

''Il fatto stesso che il presidente riteneva importanti le mie dichiarazioni mi fa constatare, a livello logico, che non aveva effettivamente nessuna prova fattuale contro di me''. Lo dice all'Adnkronos Raffaele Sollecito, l'ingegnere di Bisceglie, in provincia di Barletta-Andria-Trani, a proposito dell'intervista del presidente della Corte di Assise di Appello di Firenze Alessandro Nencini, dopo la condanna del giovane pugliese a 25 anni di reclusione al termine del processo per l'omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher avvenuto a Perugia nel 2007.

Sull'intervista, nella quale Nencini affermava, tra le altre cose, che Sollecito ''non si e' fatto interrogare'', la Procura generale della Cassazione ha aperto un'istruttoria. In questo modo il giudice potrebbe aver anticipato le motivazioni della sentenza. La difesa ha presentato un esposto contro quello che ritengono un pregiudizio da parte del giudice. ''Non conosco bene il codice, di queste cose si occupano i miei avvocati'', precisa Sollecito. ''Quello che mi ha sconcertato di piu' e che non riesco a comprendere - continua - e' il fatto che mi vengano fatte delle critiche dopo il giudizio che mi ha condannato. Io ribadisco che sono sempre disponibile a un contraddittorio tra le parti in qualsiasi momento. Ero disponibile anche in aula - afferma Sollecito - ed ero li' proprio per rendermi disponibile. Mi sento preso in giro: il presidente poteva chiedermi di entrare in contraddittorio in qualunque momento, non posso leggere nella sua mente. Non lo ha fatto ne' questo presidente, non lo hanno fatto i suoi predecessori, ne' chi mi ha condannato ne' chi mi ha assolto, evidentemente perche' non lo ritenevano necessario.

Il mio esame, nell'ottica di questo presidente, poteva cambiare la mia posizione ed era importante per questo''. Non averlo svolto, ''mi sciocca terribilmente - conclude - perche' fondamentalmente penso che qualsiasi persona avrebbe chiesto l'interrogatorio''. Sollecito da qualche giorno e' tornato nella sua casa di Bisceglie, in provincia di Barletta-Andria-Trani.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI