Standard Sfoglia
Fatti . Cronaca . Olbia: panni sporchi a peso d'oro, lavanderia truffa al Comune 130mila euro
:) 33 % :| 33 % :( 33 %
Grazie! Hai espresso la tua preferenza.
Per esprimere la tua preferenza è necessario effettuare il login.
Non sei ancora registrato?
REGISTRATI ADESSO

Olbia: panni sporchi a peso d'oro, lavanderia truffa al Comune 130mila euro

La polizia stradale ha scoperto una truffa ai danni del Comune di Olbia con un danno di 130mila euro, messa in atto da una lavanderia della città, convenzionata con l'amministrazione dopo l'alluvione del 18 novembre scorso per il lavaggio degli indumenti dei cittadini che avevano perso tutto in quell'occasione. La scoperta nasce casualmente da un normale controllo quando i poliziotti di una pattuglia della Polizia Stradale di Olbia nel gennaio scorso hanno notato, all'interno di un'auto fermata un tappeto di piccole dimensioni. Il conducente risultava essere una delle tante persone colpite dalla calamità del 18 novembre scorso. L'uomo ha detto ai poliziotti che quel tappeto era stato portato in una nota lavanderia di Olbia per essere sottoposto al trattamento sanitario a seguito del suo imbrattamento dal fango e aggiungeva che il servizio era stato reso gratuitamente in quanto il Comune di Olbia si faceva carico per i soggetti vittime della calamità delle spese per i lavaggi delle biancherie, esibendo una ricevuta a prova della merce trasportata. Il documento esibito agli agenti e consegnato dalla lavanderia al momento del ritiro del tappeto si documentava un peso di 100 kg a fronte di un peso reale di circa 10 kg. I poliziotti si sono quindi insospettiti e hanno avviato l'indagine. Dopo una serie di accertamenti fatti anche dalla squadra di polizia giudiziaria della Sezione di Sassari, hanno riscontrato una serie di irregolarità. Con la semplice acquisizione di una copia del contratto stipulato e firmato dai gestori di otto lavanderie con il Comune di Olbia, per il lavaggio, a spese dell'Amministrazione comunale, dei capi di abbigliamento degli alluvionati, si è scoperto che la lavanderia, a differenza delle altre sette che fornivano un servizio a numero di capi, forniva il servizio in cambio di una corresponsione di 2 euro al Kg per i capi lavati. Dalla lettura di tutte le circa 500 fatture emesse i poliziotti hanno riscontrato evidenti pesi abnormi di quanto lavato. (segue)

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI