Home . Fatti . Cronaca . Francesco ai Paesi asiatici: "I cristiani non vengono per conquistare ma per camminare assieme"

Francesco ai Paesi asiatici: "I cristiani non vengono per conquistare ma per camminare assieme"

CRONACA
Francesco ai Paesi asiatici: I cristiani non vengono per conquistare ma per camminare assieme

Pope Francis arrives to celebrate the "Beatification of 124 Korean Martyrs" at Gwanghwamun Square in Seoul, South Korea on August 16, 2014. The Pope paid tribute to the Koreans, who died for their faith in the 18th and 19th centuries. UPI/Keizo Mori - Infophoto

I cristiani non vengono ''per conquistare, ma per essere parte di un dialogo e della società; la cosa importante è camminare insieme". Lo ha detto Papa Francesco, parlando a braccio ai vescovi di 35 Paesi asiatici che ha incontrato nel santuario di Haemi.

"Non mi riferisco -ha aggiunto il Papa- solo al dialogo politico, ma anche al dialogo umano e fraterno".

Un dialogo a beneficio di tutti - ''Spero fermamente che i Paesi del vostro Continente con i quali la Santa Sede non ha ancora una relazione piena non esiteranno a promuovere un dialogo a beneficio di tutti'', ha detto Francesco.

''Quando guardiamo al grande Continente asiatico, con la sua vasta estensione di terre, le sue antiche culture e tradizioni, siamo consapevoli che, nel piano di Dio, le vostre comunità cristiane sono davvero un pusillus grex, un piccolo gregge - ha sottolineato il Papa - al quale tuttavia è stata affidata la missione di portare la luce del Vangelo fino ai confini della terra''.

''Il Buon Pastore, che conosce e ama ciascuna delle sue pecore, guidi e irrobustisca i vostri sforzi nel radunarle in unità con Lui e con tutti gli altri membri del suo gregge sparso per il mondo. Affido ciascuno di voi all'intercessione di Maria, Madre della Chiesa - ha concluso Francesco, rivolgendosi a 68 vescovi di 35 paesi asiatici - e imparto di cuore la mia benedizione, quale pegno di grazia e pace nel Signore''.

L'invito ai giovani - ''Svegliatevi, alzatevi!''. E' l'esportazione che Papa Francesco ha rivolto ai giovani durante l'omelia. ''Wake up, wake up'', ha ripetuto più volte il Papa in inglese.

Il tweet - ''Preghiamo perché la Chiesa sia più santa e più umile e sappia amare Dio servendo i poveri e le persone sole e malate'', scrive il Pontefice in un tweet.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI