Home . Fatti . Cronaca . Papa: "No a Dio ridotto a ideologia. Strage in Francia per forme fuorviate di religione"

Papa: "No a Dio ridotto a ideologia. Strage in Francia per forme fuorviate di religione"

CRONACA
Papa: No a Dio ridotto a ideologia. Strage in Francia per forme fuorviate di religione

''La tragica strage avvenuta a Parigi'' è una dimostrazione che ''gli altri non sono più percepiti come esseri di pari dignità, come fratelli e sorelle in umanità, ma vengono visti come oggetti: l'essere umano da libero diventa schiavo, ora delle mode, ora del potere, ora del denaro e perfino di forme fuorviate di religione''. E' l'accusa che lancia Papa Francesco, ricevendo in udienza nel Palazzo Apostolico in Vaticano gli ambasciatori accreditati presso la Santa Sede per la tradizionale cerimonia di scambio di auguri per il nuovo anno con il Corpo diplomatico.

''Questi -sottolinea ancora il Papa- sono i pericoli che nascono da un cuore corrotto, incapace di vedere e di operare il bene e di perseguire la pace. Constatiamo con dolore le conseguenze drammatiche di questa mentalità del rifiuto e della cultura dell'asservimento nel continuo dilagare dei conflitti: come una vera e propria terza guerra mondiale combattuta a pezzi -ribadisce Francesco- essi toccano, con forme e intensità diverse, varie zone del pianeta''. ''Oggi desidero far risuonare con forza una parola a noi molto cara: pace!''.

"Teniamo un atteggiamento di prudenza e di attenzione, ma non ci sono segnalazioni di rischi specifici". E' quanto riferisce padre Federico Lombardi, portavoce del Vaticano, sentito dall'AdnKronos riguardo all'allarme terrorismo riferito a possibili azioni contro la Chiesa cattolica o lo stesso Papa Francesco.

"Nell'ambito dei normali rapporti fra servizi di sicurezza, anche la Santa Sede e' informata - spiega ancora padre Lombardi - Ma non siamo in presenza di alcuna segnalazione che possa comportare motivi concreti di rischio. Il Vaticano e il Papa possono essere obiettivi sensibili come naturalmente lo sono tutte le istituzioni, in Italia come nel resto dell'Europa. Ma non e' il caso di alimentare situazioni di particolare allarme, perche' al momento non sarebbero ne' motivate ne' fondate".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI