Home . Fatti . Cronaca . Addio al 'Comandante Max', morto a 95 anni il partigiano Massimo Rendina

Addio al 'Comandante Max', morto a 95 anni il partigiano Massimo Rendina

CRONACA
Addio al 'Comandante Max', morto a 95 anni il partigiano Massimo Rendina

ROMA 25 APRILE 2006 25 APRILE: MANIFESTAZIONE IN OCCASIONE DELLA FESTA DELLA LIBERAZIONE NELLA FOTO MASSIMO RENDINA PRESIDENTE ANPI ROMA LAZIO FOTO RAVAGLI/INFOPHOTO

Una vita per la libertà e la memoria. Massimo Rendina, partigiano e testimone della Resistenza, è morto oggi a 95 anni. Nato a Venezia il 4 gennaio 1920, il 'Comandante Max' militò prima nella 19esima brigata Giambone Garibaldi, con funzione di capo di Stato Maggiore, e successivamente nella 103esima brigata Nannetti della prima divisione Garibaldi, della quale fu comandante e capo di Stato Maggiore. Ha preso parte alla liberazione di Torino ed è stato ferito in guerra. Lo zio di Massimo, Roberto Rendina fu ucciso alle Fosse Ardeatine. Riconosciuto Partigiano combattente dal 1 novembre del '43 alla fine della liberazione dell'Italia dal nazifascismo, Rendina è stato direttore del primo telegiornale della Rai, docente di storia della comunicazione e membro del Comitato scientifico dell'Istituto Luigi Sturzo per le ricerche storiche sulla Resistenza. Presidente dell’Anpi Roma, è stato l'ideatore della Casa della Memoria e della Storia, inaugurata dalla giunta Veltroni nel 2006.

Domani dalle 12 alle 19 nella Sala della Protomoteca in Campidoglio sarà allestita la camera ardente per rendergli omaggio. Alle 13, inoltre, è prevista una breve commemorazione funebre. "Sono profondamente commosso", ha detto il sindaco di Roma Ignazio Marino. "Per decenni - ha ricordato - ha portato avanti in maniera instancabile la testimonianza e il ricordo della Resistenza partigiana con la sua attività all’interno dell’Anpi, con l’impegno professionale e con le lezioni nelle scuole. Rivolgo, a nome di tutti i cittadini romani, le mie più sentite condoglianze ai suoi familiari e ai suoi cari".

Rendina "ha rappresentato una voce libera per Roma e per l'Italia - ha ricordato l'assessore con delega alla Memoria di Roma Paolo Masini divulgando la notizia della morte - e l'esempio di come ai nostri giorni sia ancora possibile mettere in pratica e trasmettere in modo alto e nobile i valori di quella grande pagina della nostra Storia che fu la Resistenza".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.