Immigrati, l'appello di Malika da Sanremo: bisogna intervenire

"Rimango sconvolta" davanti all'ennesima tragedia del mare, in cui sono morti oltre 300 migranti nel Mediterraneo, una vicenda "che sto seguendo". "Credo che si debba intervenire perché trovo assurdo che continui a morire tutta questa gente così vicino a noi e non si faccia niente". A chiedere un intervento per scongiurare nuovi naufragi di immigrati è la cantante Malika Ayane da Sanremo, dove è in gara con il brano 'Adesso e qui (Nostalgico presente)', alla vigilia dell'uscita del suo nuovo album 'Naif'. Malika è figlia di un'italiana e di un marocchino, e lei stessa è impegnata in prima persona con l'ong Oxfam di cui è ambasciatrice.

"Io nel mio piccolo - racconta - cerco di fare la mia parte con Oxfam, con cui collaboro e che lavora con progetti sul territorio in quei paesi, in modo da assicurare una vita dignitosa alla popolazione, affinchè non sia più costretta a fuggire dalla propria terra".