Home . Fatti . Cronaca . Da Walt Disney a Harry Potter, per le tesine gli studenti puntano sull'originalità

Da Walt Disney a Harry Potter, per le tesine gli studenti puntano sull'originalità

Studenti.it, i grandi classici comunque non mancano mai

CRONACA
Da Walt Disney a Harry Potter, per le tesine gli studenti puntano sull'originalità

Per i maturandi 2015 la parola d’ordine in fatto di tesine è originalità. Spaventati anche solo dal pensiero che i commissari possano sbadigliare durante i primi minuti del loro esame orale, molti studenti hanno cercato di differenziarsi dal resto della classe e hanno puntato tutto su argomenti insoliti. Da Walt Disney a Harry Potter, da Masterchef ai Beatles: a giudicare dalle tesine scaricate da Studenti.it, si può esser certi che alla Maturità si parlerà di cinema, di serie TV e di musica, confermando il trend degli ultimi anni per cui molti ragazzi vogliono distinguersi dalla massa e dimostrare di essere in grado di collegare gli argomenti studiati alle proprie passioni. Non di solo estro artistico, però, vive l’esame del maturando creativo e infatti qualcuno ha preferito affidarsi all’attualità e creare un percorso sull’Expo o sulla Teoria della Relatività che quest’anno compie cento anni.

Questo però, evidenzia il sito specializzato, non significa che le tesine più classiche non faranno la loro entrata in scena, magari attualizzate grazie a una bella presentazione in PowerPoint o grazie a qualche collegamento più insolito. Tra le tesine più amate dai maturandi, dunque, troviamo anche L’Illusione, la Fantasia e il Viaggio, un evergreen che non manca mai così come l’Angoscia e la Maschera, due tematiche perfette per parlare del Novecento che, ormai da anni, è al centro dei percorsi multidisciplinari per l’Esame di Stato. Si tratta di tematiche sempre valide e sempre attuali che i ragazzi possono plasmare come meglio credono a seconda del programma che hanno svolto e dei consigli dei professori che faranno parte della commissione.

Di fronte alla commissione è sempre meglio partire con il piede giusto. Seguire le dritte dei membri interni, infatti, è molto importante perché l’esposizione della tesina occupa i primi minuti dell’orale e consente di iniziare il colloquio con il piede giusto, contando almeno sull’appoggio degli insegnanti che già si conoscono, nella speranza che anche i commissari esterni si lascino impressionare positivamente da questo incipit brillante.

Che si tratti di Harry Potter o dell’Expo, di un percorso sull’illusione o sul viaggio come metafora della vita, dunque, l’importante è scegliere un argomento che soddisfi i prof e che consenta di sentirsi a proprio agio. Una volta rotto il ghiaccio con la tesina giusta, conclude Studenti.it, la leggenda narra che poi l’orale sia davvero tutto in discesa.

Fonte: www.studenti.it

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.