Home . Fatti . Cronaca . Papa: "Welfare non è un costo. Risposte vigorose contro precarietà, lavoro nero e malavita"

Papa: "Welfare non è un costo. Risposte vigorose contro precarietà, lavoro nero e malavita"

udienza alle Acli, senza occupazione non c'è dignità combattere contro il dio denaro

CRONACA
Papa: Welfare non è un costo. Risposte vigorose contro precarietà, lavoro nero e malavita

(Infophoto)

Serve una risposta "sollecita" e "vigorosa" per contrastare l'estendersi della "precarietà, del lavoro nero e del ricatto malavitoso". Così Papa Francesco incontrando, nell'Aula Nervi, le Acli in occasione dei 70 anni di vita delle Associazioni Cristiane dei Lavoratori Italiani. "L'estendersi della precarietà, del lavoro nero e del ricatto malavitoso fa sperimentare, soprattutto tra le giovani generazioni, che la mancanza del lavoro toglie dignità, impedisce la pienezza della vita umana e reclama una risposta sollecita e vigorosa. Risposta contro il dio denaro che è quello che comanda, che distrugge", ammonisce Bergoglio.

Bisogna dare "risposte" concrete a quanti ogni giorno perdono il lavoro, scandisce Francesco. Inoltre, "non possiamo tarpare le ali a quanti, in particolare giovani, hanno tanto da dare con la loro intelligenza e capacità; essi vanno liberati dai pesi che li opprimono e impediscono loro di entrare a pieno diritto e quanto prima nel mondo del lavoro". Dunque, un lavoro adeguato per i giovani che "sono in pericolo di cadere nella malavita o di andare a cercare orizzonti di guerra come mercenari".

Papa Francesco lancia anche un grido di dolore contro la 'cultura dello scarto' dominata dal 'dio denaro'. Quella cultura, sottolinea il Papa a braccio ricevendo in udienza le Acli, che porta a scartare gli anziani. "Si scartano gli anziani che hanno pensioni miserabili", dice il Pontefice.

Che lancia anche un grido di allarme: "Basta un niente oggi per diventare poveri: la perdita del lavoro, un anziano non più autosufficiente, una malattia in famiglia, persino - pensate il terribile paradosso - la nascita di un figlio". Da qui il richiamo a una "importante battaglia culturale, quella di considerare il welfare una infrastruttura dello sviluppo e non un costo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.