Home . Fatti . Cronaca . Pompei, l'allarme degli albergatori: "Niente trasporti ed eventi, basta mortificare il turismo"

Pompei, l'allarme degli albergatori: "Niente trasporti ed eventi, basta mortificare il turismo"

CRONACA
Pompei, l'allarme degli albergatori: Niente trasporti ed eventi, basta mortificare il turismo

Scavi di Pompei (Infophoto)

"Pompei è un grande attrattore e non posiamo continuare a mortificarla". A lanciare l'appello all'AdnKronos, in vista delle elezioni regionali in Campania, è la presidente dell'associazione albergatori di Pompei-Federalberghi Rosita Matrone.

"Le presenze di turisti per fortuna continuano a essere costanti perché siamo attenti all'offerta e abbiamo abbassato i prezzi, infatti il fatturato è sceso notevolmente", spiega Matrone. "La cosa grave è che Pompei la domanda ce l'ha ma manca la permanenza prolungata dei turisti", prosegue Matrone, che ne individua la causa nei "trasporti e nell'assenza di eventi, che sono le nostre attese e le nostre mancanze".

"Basti pensare che da Pompei centro a Villa dei Misteri non ci sono collegamenti - prosegue - i collegamenti con Napoli finiscono alle 20, dopo le 21 non c'è alcun collegamento nel centro città". Inoltre, prosegue, "manca una programmazione di eventi all'interno del sito archeologico e da quando sono stati sospesi i percorsi notturni nel sito archeologico, ormai tre anni fa, abbiamo avuto un calo enorme".

"Se non abbiamo collegamenti non abbiamo stanzialità, se non abbiamo eventi non c'è permanenza, tutto questo pesa tantissimo - prosegue -Pompei ha bisogno di avere un'offerta sua, deve vivere di luce propria: gli alberghi sul territorio ci sono e fanno impresa con grande sacrificio".

"In questa campagna elettorale - conclude - si è parlato poco di programmi e di fattibilità. I tempi per noi sono fondamentali: per l'offerta che dobbiamo promuovere dovremmo già conoscere la programmazione del 2016 e invece non sappiamo neanche quella del 2015. Credo che chi voglia fare ha il potere di farlo, perché tutti hanno potenzialità, bisogna vedere se la volontà c'è".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.