Home . Fatti . Cronaca . Prima prova maturità 2015, tracce belle e in parte confermate

Prima prova maturità 2015, tracce belle e in parte confermate

Tracce belle e attese che hanno dato l’opportunità ai maturandi di dare il meglio di se’. Quest’anno il Miur ha colto nel segno, nonostante l’Expo sia stato il grande assente

CRONACA
Prima prova maturità 2015, tracce belle e in parte confermate

Calvino per l’analisi del testo con un brano da “Il sentiero dei nidi di ragno”, una traccia sul Mediterraneo come atlante Geopolitico d’Europa ed una sullo sviluppo scientifico e tecnologico dell’elettronica e dell’informatica che ha trasformato il mondo della comunicazione e che oggi è dominato dalla connettività. Rapide trasformazioni che offrono opportunità ma suscitano anche riflessioni critiche. Tracce belle e non difficili che hanno consentito ai maturandi di esprimersi al meglio su temi che gli sono congeniali. Tracce che sono piaciute molto ai maturandi che in massa - a differenza degli anni passati - si sono buttati sull’analisi del testo nonostante Calvino non sia un autore che tutti arrivano a studiare.

Grande assente della giornata è stato l’Expo su cui tutti avevano puntato molto ma i maturandi non sembrano averne grazie alle opportunità di sviluppo che offrivano tutte le tracce proposte oggi.

Per l’annuale alternanza tra testo poetico e brano in prosa quest’anno era attesa prosa e così è stato. E anche Calvino non è stata una sorpresa, atteso dai maturandi già da diversi anni.

La traccia sul Mediterraneo è stata una scommessa vinta del tototema di Studenti.it che ci aveva puntato molto realizzando diversi approfondimenti sul tema, uno di questi realizzato dall’Adnkronos con l’aggiunta di una infografica che spiega il fenomeno e ne racconta i numeri. Un argomento di attualità molto sentito e su cui gli studenti si preparano con temi e saggi brevi durante tutto l’anno (il tema sull’immigrazione è uno dei contenuti più visti su Studenti.it).

Così come la traccia tecnologica, attesa per via degli anniversari che ricorrono quest’anno: i 10 anni dalla nascita di Youtube, i 40 anni di Microsoft, i 20 anni di e-bay; tutte realtà che hanno cambiato profondamente il modo di comunicare, acquistare e vivere delle persone e su cui i maturandi hanno sicuramente molto da dire.

Anche oggi, nonostante le accortezze delle commissioni, dalle scuole sono trapelate rapidamente le tracce e le richieste di aiuto da parte dei maturandi. Sui social le foto dei brani scelti dal Miur sono arrivate prima delle 09:00, una conferma dell’indagine su Studenti.it in cui il 21% dei maturandi ha dichiarato che oggi avrebbe usato il cellulare durante le prove.

Per maggiori aggiornamenti

Fonte: Studenti.it

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.