Home . Fatti . Cronaca . Eroe di Ferragosto, salva tre bagnanti e muore per la fatica

Eroe di Ferragosto, salva tre bagnanti e muore per la fatica

CRONACA
Eroe di Ferragosto, salva tre bagnanti e muore per la fatica

(foto Guardia costiera)

Tragedia in mare ieri a San Giovanni del Sinis, frazione marina di Cabras, in provincia di Oristano. Un uomo, Vincenzo Curtale, 41 anni di Oristano, è morto dopo aver salvato dalla furia delle onde 3 persone che incautamente si erano allontanate da riva con un materassino gonfiabile.

La tragedia intorno a mezzogiorno nella spiaggia della città fenicio-punica di Tharros, quando i gli incauti turisti (non sardi), hanno deciso di cavalcare le onde nella spiaggia di ‘Mari biu’ (mare aperto), in condizioni proibitive, con onde e correnti fortissime. E nelle spiagge non sono state allestite le postazioni di salvamento con i bagnini.

Curtale ha avvertito il pericolo e insieme ad altri 4 soccorritori non ha esitato a tuffarsi per salvare i tre bagnanti.

Nel frattempo dalla spiaggia è stato dato l’allarme alla Guardia Costiera di Oristano che ha inviato immediatamente sul posto la motovedetta Cp 893, pattuglie a terra, i carabinieri, due ambulanze e allertato l’elicottero dei vigili del fuoco, decollato da Alghero-Fertilia e una squadra da Oristano.

Nel frattempo i soccorritori-volontari hanno raggiunto i bagnanti e li hanno portati a riva ma uno, Curtale, giunto a riva si è accasciato. Immediati i tentativi di salvarlo da parte del personale medico e paramedico del 118, ma invano.

L’uomo è morto probabilmente a pochi metri dalla riva. Altri 5 bagnanti in difficoltà sono stati salvati grazie ad una catena umana. Su disposizione del magistrato la salma è stata trasportata all’ospedale San Martino di Oristano per l’autopsia.

Intanto esplode la polemica sull’assenza di bagnini nelle spiagge dell’oristanese. Il compito spetta alle province, che attualmente sono commissariate, che da sempre hanno garantito il servizio nelle spiagge.

Quest’anno le esigue risorse stanziate dalla Regione Sardegna e devolute ai Comuni, non sono state sufficienti per garantire la presenza dei bagnini, neppure per mettere la bandiera rossa in caso di pericolo.

Il comandante della Capitaneria di porto di Oristano, il capitano di fregata Rodolfo Raiteri,aveva avvertito del pericolo.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI