Mafia Capitale, procura Roma verso no a patteggiamento Buzzi

Soltanto nei prossimi giorni la Procura della Repubblica di Roma deciderà se debba essere accolta o meno la richiesta di patteggiamento presentata da Salvatore Buzzi. A giudicare dalle indiscrezioni, l'iniziativa di Buzzi, considerato che un'analoga istanza è stata respinta qualche tempo fa, potrebbe non avere successo. La Procura infatti conferma l'impostazione accusatoria nei riguardi del braccio destro di Carminati.

L'attività di indagine intanto prosegue su altri filoni dell'inchiesta su mafia capitale. Tra questi il procedimento che ha coinvolto Maurizio Venafro, ex capo di gabinetto della Regione Lazio. Tempo fa si è conclusa l'indagine relativa all'assegnazione dell'appalto Recup che lo ha coinvolto e ora si attende la decisione del gip sulla richiesta della Procura.

Procura che, se Venafro venisse rinviato a giudizio, sarebbe intenzionata a riunire il fascicolo di questa indagine con il processo che il 5 novembre prossimo con rito immediato vedrà sul banco degli imputati una cinquantina di persone coinvolte nell'inchiesta mafia capitale. La difesa di Venafro però, sempre in caso di rinvio a giudizio, chiederebbe il giudizio abbreviato godendo così di uno sconto di pena.