Home . Fatti . Cronaca . Il padre è morto da due anni ma lui continua a parcheggiare nel posto disabili

Il padre è morto da due anni ma lui continua a parcheggiare nel posto disabili

CRONACA
Il padre è morto da due anni ma lui continua a parcheggiare nel posto disabili

Usava il contrassegno per disabili del padre morto da due anni. Protagonista un uomo di 48 anni, multato a Jesolo per uso improprio del contrassegno per disabili. Una coppia di agenti della polizia locale, durante un pattugliamento in borghese nel parcheggio di piazza Brescia, a Jesolo, domenica pomeriggio ha notato un Suv Range Rover parcheggiato in un posto auto riservato ai disabili. Gli agenti hanno visto un uomo e una donna scendere dall'auto e allontanarsi senza apparenti problemi fisici di deambulazione.

A quel punto i vigili hanno chiesto di visionare nel dettaglio il contrassegno per disabili verificando che era intestato al padre dell'uomo fermato, un uomo di 48 anni residente a Maserada sul Piave. Da accertamenti più approfonditi è emerso che il titolare del contrassegno, rilasciato dal Comune di Venezia nel 2009, era deceduto ancora un paio di anni.

Al termine degli accertamenti, gli agenti hanno sanzionato il conducente per uso improprio del contrassegno per disabili, nonché per sosta sul relativo spazio, per 170 euro, e decurtazione di 4 punti dalla patente. L'uomo si è giustificato dicendo che ha problemi di cuore e che ci voleva troppo tempo per ottenere un contrassegno a suo nome.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.