Home . Fatti . Cronaca . Preti 'formichine' si diventa, corso di management alla Lateranense

Preti 'formichine' si diventa, corso di management alla Lateranense

CRONACA
Preti 'formichine' si diventa, corso di management alla Lateranense

(Foto Infophoto)

Preti oculati, attenti nella gestione del patrimonio, si diventa. La Pontificia Università Lateranense, consapevole del fatto che l'azione missionaria della Chiesa deve "necessariamente andare di pari passo con indicazioni provenienti dalle scienze umane perché il bene occorre imparare a farlo", ha realizzato un corso di Management pastorale che partirà dal prossimo 26 ottobre.

"Papa Francesco ci ricorda ogni giorno che disperdere le risorse è un peccato mortale. E' dunque necessario imparare a gestirle perché non basta essere preti", afferma all'Adnkronos il rettore della Lateranense monsignor Enrico Dal Covolo, che racconta il senso di questo speciale corso, alla seconda edizione. Quest'anno avrà un respiro internazionale, e sarà aperto sia ai religiosi che ai laici.

"C'è già una massiccia adesione", dice il rettore della Pontificia Università Lateranense che subito mette in chiaro: "troppo spesso si utilizzano le parole del Papa in maniera strumentale. Il Papa ci invita sempre ad essere pastori oculati, capaci di gestire le risorse. Fedelissimi al suo magistero, vogliamo dare un aiuto nel nostro piccolo".

Il corso si rivolge "a chi ha o avrà responsabilità dirigenziali o gestionali all’interno di parrocchie, diocesi, enti e tutte le organizzazioni no profit e profit che si muovono all’interno del panorama ecclesiale italiano e internazionale, per preparare e accompagnare loro a svolgere con competenza, consapevolezza e professionalità il proprio ruolo attraverso l’insegnamento di competenze e strategie sviluppate nel mondo delle imprese a più livelli".

Un corso più che mai necessario, oggi, alla luce del fatto che, per dirla con gli organizzatori, "le risorse finanziarie sono sempre più scarse e difficili da reperire; si ha a che fare con l’unione di più parrocchie per la diminuzione delle vocazioni; le attività istituzionali sono sempre più difficili da gestire mantenendo elevati standard di servizio".

C'è poi in gioco "la valorizzazione di risorse presenti nel territorio per trasformale da costi ad opportunità di ricavo per finanziare iniziative pastorali", spiegano. Da lunedì 26 ottobre, dunque, la Lateranense fornirà gli strumenti per essere, per dirla con mons. Dal Colvolo, "pastori con l'odore delle pecore capaci di gestire le risorse".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI