A Expo il flash-mob Oxfam, in centinaia con l'obiettivo 'fame zero'

Centinaia di attivisti e volontari di Oxfam seduti in silenzio a terra, battendo simbolicamente un cucchiaio contro un piatto vuoto, a simboleggiare la quotidiana condizione di chi ogni giorno non ha cibo sufficiente per nutrirsi. E’ il flash-mob “Table for Everyone: Sfidiamo la fame”, realizzato oggi, in occasione dell’Oxfam Day a Expo Milano 2015, davanti al Padiglione 0. Un’iniziativa con l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico dell’Esposizione Universale sulla condizione di insicurezza alimentare che ancora oggi 795 milioni di persone nel mondo sono costretti ad affrontare ogni giorno, e lanciare un appello alla vigilia del World Food Day al premier Matteo Renzi e ai leader mondiali affinché venga definito un concreto Piano di azione per sconfiggere la fame nel mondo entro il 2030, come previsto dalla nuova Agenda dello Sviluppo post 2015.

“E’ inaccettabile che ancora oggi 795 milioni di persone soffrano la fame nel mondo. – afferma il direttore generale di Oxfam Italia, Roberto Barbieri - La fame può e deve essere sconfitta: se davvero, come previsto dalla nuova Agenda dello Sviluppo post 2015, si vuole raggiungere l’obiettivo della “fame zero” entro il 2030, è indispensabile che il premier Renzi e tutti i leader mondiali mettano in campo le risorse necessarie per arrivare a questo importante traguardo. L’Italia deve tornare ad essere leader nella cooperazione per lo sviluppo rurale a partire dalla prossima Legge di Stabilità e tra un mese, in occasione della Cop 21 di Parigi, essere in grado di giocare un ruolo di primo piano nella lotta contro il cambiamento climatico principale minaccia per la lotta alla fame”.

“L’obiettivo della “fame zero” – continua Barbieri - non potrà mai essere raggiunto senza il contributo fondamentale delle donne: se uomini e donne avessero pari opportunità, 150 milioni di persone in meno soffrirebbero la fame. E’ per questo motivo che oggi, in occasione dell’Oxfam Day e dell’International Day of Rural Women, abbiamo voluto che fosse con noi Birtkuan Dagnachew Tegegn contadina divenuta Food Female Hero in Etiopia nel 2013; i leader di tutto il mondo dovrebbero dar prova della stessa determinazione e della stessa forza di Birtukan che ogni giorno, insieme a milioni di donne, lotta per assicurare una vita dignitosa alle propria famiglia e alle propria comunità”.