Home . Fatti . Cronaca . Roma, primo screening su patrimonio immobiliare centro storico: 400mila euro di credito

Roma, primo screening su patrimonio immobiliare centro storico: 400mila euro di credito

CRONACA
Roma, primo screening su patrimonio immobiliare centro storico: 400mila euro di credito

(Fotogramma)

Proseguendo nelle verifiche sul Patrimonio Immobiliare, disposte dal Commissario Straordinario di Roma Capitale, Francesco Paolo Tronca, la Segreteria Tecnica ha effettuato uno screening della documentazione cartacea contenuta negli oltre cento bancali consegnati dal precedente Gestore e attualmente depositati in un locale del Dipartimento Patrimonio, alla ricerca del contenzioso già in atto.

Dopo aver individuato i nove scatoloni contenenti un totale di 1.200 posizioni, sono stati isolati i 22 fascicoli relativi al Centro Storico, di cui 14 attinenti al Patrimonio Disponibile e 8 all’Edilizia Residenziale Popolare (ERP). Si è, dunque, proceduto all’esame degli atti reperiti, rivelatisi, purtroppo, incompleti. In quasi tutti i casi mancano i titoli esecutivi, gli atti di precetto, e sono stati rintracciati ordini di rilascio mai eseguiti.

Dalla sola ricognizione del campione, spiega una nota del Campidoglio, risulta un credito stimato in oltre 400.000 euro. Nella maggior parte si tratta di occupazioni abusive perpetrate per anni, talvolta risalenti agli anni Ottanta, in alcuni casi riferibili a ristoranti ed esercizi commerciali. E poi morosità varie.

Si è proceduto a prendere contatto con gli Studi legali che avevano avviato le procedure, invitandoli a consegnare tutto quanto in loro possesso per procedere alla definitiva risoluzione dei contenziosi. E’ inoltre stata effettuata un’ulteriore ricognizione presso gli uffici giudiziari, che hanno collaborato con grande sollecitudine.

Parallelamente, si sta provvedendo all’esame di tutte le restanti posizioni, per instaurare un contenzioso laddove sussistano i presupposti (occupazioni abusive o morosità per le quali non risultino già azioni pendenti) e all’accertamento delle eventuali omissioni o inerzie che possano aver determinato danni erariali.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI