Home . Fatti . Cronaca . 'Un ballo per la vita' per dare un futuro alle bambine non vedenti dell'India /Foto -Video

'Un ballo per la vita' per dare un futuro alle bambine non vedenti dell'India

Un progetto nato con il supporto del Casinò di Campione, la raccolta fondi va alla missione indiana di Fausta De Martini

CRONACA
'Un ballo per la vita' per dare un futuro alle bambine non vedenti dell'India /Foto -Video

Comprare sacchi di riso per le bambine non vedenti dell'India. Nasce con questo obiettivo l'edizione 2016 di "Un ballo per la vita", evento di beneficenza patrocinato dal Casinò Campione d'Italia e dalla Provincia di Como in supporto alla missione di Fausta De Martini in India.

Il ballo, in programma il 27 maggio all'interno delle Serre Ratti a Casnate con Bernate , è stato ideato da Zia Fausta, innamorata dell'India da sempre. "Quest'anno è un anno speciale -racconta- perché sono 25 anni che è morto mio figlio Carlo e vorrei riuscire a terminare la casa di Athani , la casa delle mie bambine cieche. Abbiamo tanto ma ci manca il riso e bisogna anche costruire un reticolato per tenere lontano gli scorpioni" (FOTO -VIDEO).

In India la cecità infantile è endemica, quasi 4 milioni di minori ne sono affetti secondo il Times of India. Nel caso delle bambine però il rischio di abbandono è più alto perché la perdita della vista le rende inadatte al lavoro manuale e rende difficile darle in moglie. Zia Fausta lotta contro tutto questo da anni spiegando che "non è una cosa semplice ma queste bambine sono splendide e io le amo pazzamente". Così con le Missionarie dell'Immacolata ha fondato una casa di accoglienza ad Athani, nella località del Karnataka. Qui, con un orto o un pollaio, cerca di insegnare ogni giorno l'autosufficienza alle sue piccole ospiti.

Un progetto che non sarebbe mai nato senza il supporto del Casinò Campione d'Italia (FOTO). L'ad dell'azienda Carlo Pagan ricorda che "con zia Fausta abbiamo questa partnership da 24 anni, è progetto di lungo termine che impatta positivamente sul sociale e ormai siamo arrivati alla 24esima edizione. E' giusto che proprio noi che gestiamo una realtà delicata come quella del gaming ci impegnamo nel sociale".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI