Home . Fatti . Cronaca . Roma, polizia locale raddoppia gli street control e passa ai taccuini digitali

Roma, polizia locale raddoppia gli street control e passa ai taccuini digitali

Stop multe cartacee, verbali con smartphone in grado verificare anche revisioni e assicurazioni

CRONACA
Roma, polizia locale raddoppia gli street control e passa ai taccuini digitali

La polizia locale di Roma raddoppia gli Street Control, abbandona le multe cartacee e passa ai taccuini digitali. Da oggi, fanno sapere i vigili urbani, chi è abituato a sostare in doppia fila dovrà fare i conti con il previsto potenziamento delle capacità sanzionatorie ossia l'aumento, o meglio il raddoppio, degli "Street Control" in circolazione, che diventeranno 20 in totale.

Questa evoluzione passa però da un altro strumento che gli agenti di Roma Capitale stanno già utilizzando: gli smartphone conosciuti anche con il nome di "taccuini digitali", con 200 esemplari in forza a tutti i gruppi della città.

"Già adeguatamente sperimentato da mesi, questo strumento ha le stesse funzioni dello 'Street Control', e permette sia al vigile in pattuglia che a quello appiedato una maggiore efficienza operativa - osservano i vigili urbani - sarà possibile accertare, a parità di tempo, molte più soste vietate (in doppia fila, davanti i cassonetti, sulle fermate dei bus), permettendo inoltre la verifica in tempo reale delle revisioni e delle coperture assicurative dei veicoli".

Lo strumento, di fatto uno piccolo smartphone dotato di gps e telecamera, utilizza un applicativo multifunzione in grado di riconoscere la targa del veicolo, annotare la sua posizione geografica, lo stato di revisione e l'assicurazione (tutto in tempo reale). L'agente è in grado, con pochi tocchi sul touch screen, di redigere il verbale e inviarlo al sistema elettronico centrale.

Il risultato, osserva la polizia locale, è "un notevole risparmio di tempi e di personale impiegato per il processo, senza contare il risparmio di carta e le spese di produzione, stampa, trasporto e gestione dei blocchetti". La distribuzione degli apparati, effettuata in tutti i gruppi territoriali, è stata decisa in funzione delle criticità territoriali e dalle risultanze dei dati raccolti dal sistema "IoSegnalo".

In particolare, le assegnazioni sono state effettuate presso i gruppi: Trevi, Prati, Tuscolano, Nomentano, Cassia, Appio, Parioli, Tiburtino, Prenestino, Mare, Eur, Marconi, Monte Mario, Monteverde, Tintoretto, Aurelio, Sapienza, Casilino, Torri, Gpit e comando generale.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI