Home . Fatti . Cronaca . Marsala, carabiniere ucciso durante operazione antidroga. Gli hanno sparato alla schiena

Marsala, carabiniere ucciso durante operazione antidroga. Gli hanno sparato alla schiena

CRONACA
Marsala, carabiniere ucciso durante operazione antidroga. Gli hanno sparato alla schiena

Foto di repertorio (Adnkronos)

E' morto in ospedale a Palermo Silvio Mirarchi, il maresciallo capo dei carabinieri di 53 anni ferito ieri sera da un colpo d'arma da fuoco a Marsala, in provincia di Trapani. Mirarchi è stato colpito alla schiena durante un servizio di appostamento mentre si trovava con un collega nei pressi di una serra utilizzata per la coltivazione di marijuana tra le contrade Ciavolo e Ventrischi.

Soccorso dal collega, il militare è stato trasportato all'ospedale 'Paolo Borsellino' di Marsala, dove i medici ne hanno disposto il trasferimento in elisoccorso al Civico di Palermo per essere sottoposto a un intervento chirurgico. Sull'episodio indagano i carabinieri. L'ipotesi privilegiata dagli investigatori è che a sparare siano stati i responsabili della piantagione che è stata posta sotto sequestro.

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, profondamente addolorato dalla morte del maresciallo capo dei carabinieri Silvio Mirarchi, ha inviato al comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette un messaggio di cordoglio, nel quale esprime la ferma condanna per "il brutale agguato, che priva l’Arma di un servitore dello Stato coraggioso ed esemplare".

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha chiamato Tullio Del Sette per esprimere le condoglianze sue e del governo ai carabinieri e ai famigliari del militare ucciso.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI