Home . Fatti . Cronaca . Tempo di tartufi, ma occhio alle multe

Tempo di tartufi, ma occhio alle multe

CRONACA
Tempo di tartufi, ma occhio alle multe

Il tartufo gigante, peso quasi 10 kg (Fotogramma)

Da settembre a marzo, è tempo di tartufi. Non tutti però, scrive lo Studio Cataldi, possono andare a cercare "questa preziosa prelibatezza" perché "la raccolta, la coltivazione o il commercio dei tartufi freschi o conservati, destinati al consumo, è materia disciplinata da precisa normativa, tra cui la Legge 16 dicembre 1985, n. 752". In pratica sono le "le regioni a provvedere con propria legge a stabilirne i criteri", emanando "norme per la disciplina degli orari, dei calendari e delle modalità di raccolta e per la vigilanza".

Chi va a caccia di tartufi deve essere munito di tesserino di idoneità. La ricerca, informa lo Studio Cataldi, deve essere effettuata con il cane addestrato e "lo scavo, con l'apposito attrezzo (vanghetto o vanghella)", deve essere limitato al punto preciso, dove l'animale ha fiutato il tartufo. Se si viola la legge si rischierà la confisca del tartufo, oltre a multe che possono anche essere particolarmente salate. Si può arrivare fino a diverse migliaia di euro di sanzione.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI