Mafia Capitale, chiesta archiviazione Alemanno per 416bis

La procura di Roma ha chiesto al gip di archiviare la posizione dell'ex sindaco Gianni Alemanno con riferimento all'accusa di associazione per delinquere di stampo mafioso nell'ambito dell'indagine su Mafia Capitale. La comunicazione è arrivata dal pm Paolo Ielo nell'aula dove questa mattina si stava svolgendo il processo che riguarda Marco Milanese, già collaboratore dell'ex ministro all'Economia Giulio Tremonti, e nell'ambito del quale l'ex sindaco doveva testimoniare.

Alemanno ha quindi deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere in quanto indagato in altro procedimento. "Fino a quando il gip non deciderà sulla mia posizione non parlerò, perché questo non è il mio processo", ha detto Alemanno che ha poi lasciato il palazzo di Giustizia.

''Se anche la Procura chiede l'archiviazione del 416bis, è la definitiva eliminazione di un macigno che ha gravato per due anni sulla mia vita. Ora sono curioso di vedere se tutti i giornali e gli esponenti politici che hanno speculato su questa accusa prenderanno atto di questa richiesta e cosa diranno'' ha commentato l'ex sindaco all'Adnkronos.

Gianni Alemanno dovrà comparire il 7 novembre prossimo davanti alla seconda sezione del Tribunale essendo imputato di corruzione e finanziamento illecito, sempre nell'ambito di uno dei filoni di Mafia Capitale.