Home . Fatti . Cronaca . Maltempo, trovato corpo 70enne disperso in Val Chisone

Maltempo, trovato corpo 70enne disperso in Val Chisone

CRONACA
Maltempo, trovato corpo 70enne disperso in Val Chisone

Immagine di repertorio (Afp)

Il corpo senza vita del settantenne, travolto ieri dalle acque, mentre tentava di mettere in salvo i suoi cavalli, è stato recuperato dall'elicottero dei Vigili del Fuoco a San Germano, nei pressi del ponte sul Chisone. La salma è stata portata alla camera mortuaria ed è stata riconosciuta poco fa dal figlio. Ora è a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Sempre per il maltempo c'è stata una frana nell'imperiese, nella frazione di Monesi di Mendatica. Un grosso fronte sta riguardando dal pomeriggio il versante vicino all'abitato di Monesino fino al confine con il cuneese. Al momento, spiegano dai vigili del fuoco di Imperia, la frazione è isolata, interrotta la strada per raggiungere la zona. Otto persone sono state sfollate in elicottero.

Arpa Piemonte mantiene ancora per oggi l'allerta gialla per le zone alpine e prealpine dell'alta Valle di Susa, della Val Chisone, della Val Pellice, della Valle Po, per la Valle Tanaro, per la pianura settentrionale e quella torinese, a causa dei rischi di residui allagamenti per il transito della piena del Po e del Tanaro e per isolati fenomeni di smottamento.

Nelle restanti zone non risultano criticità. Sul territorio restano ancora in attività oltre 1000 volontari di Protezione civile e la sala operativa regionale resterà ancora aperta fino alle 24 di questa sera. Per quanto riguarda la situazione a Moncalieri, dove la rottura dell'argine destro e sinistro del torrente Chisola ha determinato l'allagamento di aree residenziali di tre nelle borgate risultano ancora evacuate 200 persone, di cui 40 ospitate in strutture messe a disposizione dal Comune di Moncalieri.

Questa mattina il presidente della Regione, Sergio Chiamparino e l’assessore regionale all’Ambiente, Alberto Valmaggia, hanno visitato Ormea e Garessio per fare il punto dei danni provocati sul territorio con gli amministratori locali.

Nel corso della visita, dopo aver ringraziato tutto il personale, volontario e no, impegnati nella gestione dell'emergenza, Chiamparino ha sottolineato l’importanza delle opere idrauliche realizzate in queste anni della costruzione di un efficiente sistema di Protezione civile, che ha impedito il ripetersi della tragedia del ’94. Infine, ha ribadito di aver chiesto al governo di dichiarare lo stato di calamità.

"Sono state ore molto difficili che hanno messo alla prova l'intera comunità che tuttavia nonostante la crisi ha saputo reagire. Ora si sta lavorando per ripristinare la normale viabilità riaprendo poco alla volta i tratti che sono stati chiusi", ha commentato all'Adnkronos Paolo Montagna, il sindaco di Moncalieri.

Continua a salire nel frattempo il livello del fiume Po che, a Piacenza, ha raggiunto in mattinata sei metri di altezza. In base alle previsioni dell'Agenzia interregionale per il fiume Po (Aipo), nella giornata di oggi raggiungerà i 7 metri. Per stanotte, tra le 2 e le 3 è prevista l'ondata di piena. La Protezione Civile ha attivato la fase di attenzione per il fiume Po. Nel piacentino, l'allerta per rischio idrogeologico riguarda i comuni di Calendasco, Caorso, Castelsangiovanni, Calstelvetro, Monticelli d'Ongina, Piacenza, Rottofreno, Sarmato, Villanova.

In Liguria il maltempo ha fatto anche una vittima: ieri è stato ritrovato il corpo di Mario Costaguta, il pescatore di 74anni disperso da mercoledì sera in mare tra Chiavari e Lavagna. I problemi di queste ore sono concentrati soprattutto nelle zone tra Murialdo, Calizzano e Bardineto, in alta Val Bormida. Alberi caduti sulle strade principali e nuovi interventi per i vigili del fuoco al lavoro per i ripristini sul territorio, principalmente sugli allagamenti che ancora richiedono l'utilizzo di mezzi per riassorbire acqua e fango, derivati dalla tracimazione dei torrenti della zona. I problemi maggiori nei comuni d'altura.

"La Calabria purtroppo è in piena emergenza. Ancora una volta il nostro territorio è alle prese con gli effetti devastanti di eventi calamitosi. I danni risultano ingenti per questo è necessario attivarsi immediatamente per dichiarare lo stato di emergenza e successivamente per il riconoscimento dello stato di calamità. Con il presidente Oliverio , con la protezione civile e con il Governo faremo di tutto per non lasciare sole le comunità colpite. Non è tempo di strumentalizzazioni e polemiche. Non servono ai calabresi alluvionati". Lo afferma Stefania Covello, deputata Pd responsabile nazionale del Mezzogiorno e dei Fondi europei.

Ancora disagi anche in Sicilia, dove ci sono anche due dispersi per il maltempo che sta flagellando l'isola. A Letojanni, continuano senza sosta le ricerche dell'uomo di 74 anni disperso a seguito del violento nubifragio che ierisi è abbattuto su tutta la fascia jonica della provincia di Messina. L'uomo stava tornando a casa in scooter. Ancora disperso anche un'allevatore 60enne di Sciacca, nell'agrigentino, la cui auto è stata ritrovata in un torrente. Nel messinese la pioggia incessante ieri ha allagato strade e marciapiedi facendo esondare alcuni torrenti e provocando frane e smottamenti. Tra Sciacca e Agrigento, l'esondazione del torrente Carabollace ha abbattuto diversi pali telefonici e danneggiato la linea internet, isolando una vasta area del territorio agrigentino. Decine gli allagamenti e le telefonate ai vigili del fuoco che sono intervenuti in esercizi commerciali e scantinati privati.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI