Home . Fatti . Cronaca . Zaino rubato da auto Lotti a Napoli, si segue pista delinquenza comune

Zaino rubato da auto Lotti a Napoli, si segue pista delinquenza comune

CRONACA
Zaino rubato da auto Lotti a Napoli, si segue pista delinquenza comune

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Luca Lotti (Fotogramma)

Un atto di delinquenza comune, e non un atto di intimidazione. Questo l'orientamento di chi indaga su quanto avvenuto ieri sera all'auto del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Luca Lotti a Napoli, dove si trovava per un incontro con alcuni amministratori locali all'Istituto salesiano Don Bosco. I carabinieri sono intervenuti in via don Bosco, dove era parcheggiata la Audi A4 del sottosegretario, alla quale è stato rotto un finestrino. Dall'interno dell'auto è stato portato via uno zainetto contenente oggetti personali.

Danni lievi anche all'auto parcheggiata vicino a quella di Lotti, risultata poi essere quella del consigliere comunale Pd Salvatore Madonna. Il tutto è accaduto mentre entrambi erano all'interno dell'istituto per il convegno. Per i carabinieri quanto accaduto presenta le caratteristiche di un atto di delinquenza di strada.

Sull'episodio è intervenuto ieri sera il segretario regionale del Pd Campania, Assunta Tartaglione, che ha parlato di "episodio gravissimo" che "ci lascia sgomenti e dimostra ancora una volta il clima di insicurezza che regna a Napoli". Per Tartaglione inoltre è "inquietante che, tra tante auto lì presenti, siano state danneggiate quella del sottosegretario e del consigliere comunale Salvatore Madonna. Non vogliamo credere che si sia trattato di un atto premeditato o di un'intimidazione legata al referendum - conclude - ma in ogni caso resta un fatto intollerabile".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI