Home . Fatti . Cronaca . Sesto Fiorentino, rogo in capannone occupato da migranti: un morto

Sesto Fiorentino, rogo in capannone occupato da migranti: un morto

CRONACA
Sesto Fiorentino, rogo in capannone occupato da migranti: un morto

E' di un morto il bilancio del rogo divampato ieri sera in un capannone in disuso utilizzato come ricovero da extracomunitari a Sesto Fiorentino, alle porte di Firenze, nella zona dell'Osmannoro. Sembra che l'incendio si sia sviluppato da una stufa, a causa di una scintilla.

La struttura era occupata da circa 70 cittadini extracomunitari, quasi tutti somali, provenienti dall'ex occupazione in via Slataper a Firenze e terminata oltre un anno fa. Al divampare delle fiamme gli occupanti sono fuggiti fuori.

Durante le operazioni di spegnimento, i vigili del fuoco hanno trovato una persona all'interno del capannone. Le sue condizioni sono apparse subito critiche. I sanitari del 118 hanno effettuato le operazioni di rianimazione; poi la corsa verso l'ospedale, che si è rivelata inutile. Il cittadino extracomunitario, 35 anni, è morto per le ustioni riportate.

Altri due migranti sono stati trasportati in ospedale per ricevere le cure necessarie dopo l'intossicazione da fumo.

Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri, la polizia, i vigili urbani e la protezione civile. E' arrivato anche il sindaco di Sesto Fiorentino, Lorenzo Falchi, che ha seguito tutte le operazioni.

Gli extracomunitari che erano presenti nel capannone andato a fuoco non hanno voluto lasciare l'area. Sono state poi allestite due tende in piazza Marconi e agli extracomunitari sono state distribuite coperte e bevande calde.

L'immobile dove si è sviluppato l'incendio è stato posto sotto sequestro.

Dopo oltre cinque ore, si è conclusa l'occupazione pacifica da parte di una cinquantina di migranti del cortile di Palazzo Strozzi a Firenze, dove si erano recati per protestare simbolicamente dopo il rogo che la notte scorsa ha distrutto l'ex mobilificio Aiazzone di Sesto Fiorentino e in cui ha perso la vita un uomo di 35 anni. I migranti, in maggioranza somala, dovrebbero ora trovare ospitalità temporanea presso il palazzetto dello sport di Sesto.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI