Home . Fatti . Cronaca . Raggi, due le polizze regalate: per i magistrati non c'è corruzione

Raggi, due le polizze regalate: per i magistrati non c'è corruzione

CRONACA
Raggi, due le polizze regalate: per i magistrati non c'è corruzione

(Fotogramma)

La sindaca di Roma Virginia Raggi, ascoltata ieri dai pm, è "caduta letteralmente dalle nuvole" per quanto riguarda la questione delle polizze vita che Salvatore Romeo ha stipulato indicando lei come beneficiaria in caso di morte. Le polizze in questioni, secondo quanto si apprende a palazzo di giustizia, sono due: una da 30mila euro stipulata a gennaio 2016 e senza scadenza, mentre l'altra di 3mila euro era in scadenza nel 2019.

L'argomento polizze è stato preso in esame ieri nel corso dell'interrogatorio della sindaca, ma la questione delle polizze per quanto riguarda i magistrati non appare rilevante ai fini dell'indagine e non si può ritenerle strumenti destinati ad opere di corruzione. Tanto è vero che allo stato non è in programma un interrogatorio di Salvatore Romeo.

Accertato anche la provenienza del denaro con il quale sono state stipulate le polizze: si tratta di somme che dal 2000 erano entrate nel patrimonio di Romeo. Sulla questione sono stati sentiti vari personaggi del M5S e nulla di illecito è emerso sulla questione, si trattava infatti di polizze per investimento che non richiedono la controfirma del beneficiario e alla scadenza l'importo maturato può essere ritirato solo dall'investitore. Il beneficiario può averlo solo in caso di morte dell'investitore.

E' di 130mila euro la somma investita da Salvatore Romeo per stipulare le polizze, due delle quali destinate alla sindaca di Roma Virginia Raggi, ascoltata ieri dai pm. Altri contratti, stipulati con Intesa San Paolo, hanno per beneficiari esponenti del M5S e impiegati del Comune di Roma. Per giustificare la destinazione, secondo quanto si è appreso, Romeo avrebbe fatto ricorso a causali di fantasia. Per quanto riguarda in particolare le polizze destinate alla sindaca, la causale rientrerebbe nella sfera personale.

A dimostrazione di questo, c'è una polizza stipulata in favore di una donna indicata come figlia, ma che come età ha nove anni meno di Romeo. Gli accertamenti hanno riguardato i flussi finanziari di Romeo a partire dal 2000 e senza alcun dubbio è emerso che erano somme di sua proprietà.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI