Casapound presenta libro su Mussolini: è bufera

"E' inaccettabile che il sindaco di Turbigo conceda l'aula consiliare a CasaPound". L'Anpi di Milano si scaglia contro il municipio di Turbigo, paesino dell'hinterland milanese, per aver accettato di affittare una delle sale pubbliche ai "fascisti del nuovo millennio", come amano definirsi i militanti di Casapound. Sabato 25 febbraio si terrà infatti, presso la Sala delle vetrate del consiglio comunale, la presentazione del libro 'Mussolini prima e dopo piazzale Loreto' di Gabriele Leccisi.

"A settantadue anni dalla Liberazione", scrive in una nota Roberto Cenati, Presidente Anpi Provinciale di Milano, "è inaccettabile che si consenta ad organizzazioni che si contrappongono ai principi della Costituzione repubblicana nata dalla Resistenza, alle leggi Scelba e Mancino di fare apologia del fascismo, per di più in sedi istituzionali, offendendo chi ha sacrificato la propria vita per la nostra libertà e per la costruzione di un mondo migliore".

Non è la prima volta che nel piccolo paese alle porte di Malpensa si organizzano manifestazioni di simpatia verso il fascismo. "Una via del comune è stata dedicata a Ezio Maria Gray, fascista, antisemita e aderente nel 1943 alla Repubblica di Salò", riferisce l'Associazione dei partigiani, "e il 30 novembre scorso è stata patrocinata dallo stesso Comune un'iniziativa promossa dall'Associazione Memento, una branca dell'organizzazione di estrema destra Lealtà e Azione". Da qui la richiesta al Municipio di "revocare immediatamente l'utilizzo della sala consiliare" e un appello alla magistratura "affinché i promotori di questa iniziativa siano perseguiti per apologia del fascismo".

"Non mi piace l'atteggiamento accusatorio dell'Anpi", ha ribattuto il sindaco di Turbigo Christian Garavaglia, raggiunto telefonicamente dall'AdnKronos, "a mio parere hanno diffuso un comunicato eccessivo e insinuante cose non vere". Il primo cittadino fa riferimento al fatto che l'Anpi abbia definito "provocazione" la programmazione dell'evento di Casapound "proprio nella giornata successiva alla costituzione della nuova Sezione ANPI nel Comune di Turbigo".

"Si specifica che il gruppo Casa Pound ha inoltrato una richiesta per la disponibilità di sala vetrate PRIMA di quanto abbia fatto Anpi per la sala Iris", si legge nel comunicato diffuso dal Comune, "Roberto Cenati dovrebbe informarsi prima di esternare delle insinuazioni che non corrispondono ai fatti". "Il Comune mette a disposizione delle sale pubbliche che ogni schieramento politico, associazione o cittadino, nel rispetto della legalità, può affittare pagando un tributo", ha spiegato Garavaglia, "l'Anpi sbaglia perché dovrebbe rispettare i principi democratici invece di imbavagliare chi la pensa diversamente".